In vigore dal 21 dicembre 2021 il decreto fiscale 2022: proroghe e novità in materia di riscossione e ecobonus

Decreto Fiscale 2022 in Gazzetta

[Torna su]

In Gazzetta Ufficiale la legge n. 215/2021 (sotto allegata)che ha convertito con modifiche il decreto fiscale n. 146/2021 contenente "Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili".

Il testo, che ha subito alcune modifiche rispetto alla versione iniziale, prevede anche alcune misure per le famiglie come il rifinanziamento del reddito di cittadinanza per il 2021 e il 2022 con ulteriori 200 milioni di euro, il Fondo per il bonus ai genitori separati o divorziati che non riescono a mantenere i figli nei termini e i congedi per i genitori che hanno i figli a casa causa Covid.

Alcune misure però, in vigore dal 21 dicembre 2021, si riferiscono a scadenze già superate.

Il termine di 60 giorni per la conversione è stato rispettato, ma non si possono non notare delle discrepanze che aumentano la confusione tra i contribuenti, costretti ad affidarsi alle notizie e ai comunicati del Ministero dell'Economia e Finanze.

In attesa di delucidazioni al riguardo, vediamo in sintesi le principali novità che emergono dal testo.

Rinvii di tasse e cartelle

[Torna su]

Tante le novità in materia fiscale, quelle di maggior interesse riguardano la rimodulazione dei termini per pagare le rate della definizione agevolata rottamazione-ter e del saldo e stralcio.

Tempo fino al 9 dicembre 2021 per pagare le rate del saldo e stralcio e della rottamazione ter da corrispondere nel 2020 e nel 2021 senza il rischio d'incorrere nell'inefficacia della definizione.

Esteso il termine per l'adempimento dell'obbligo che risulta dal ruolo che, per le cartelle notificate dal 1° settembre al 31 dicembre 2021, viene portato a 180 giorni.

In relazione alle rateizzazioni di somme iscritte a ruolo in corso all'inizio delle sospensioni della riscossione dovute al Covid-19, ovvero ai piani di dilazione in essere alla data dell'8 marzo 2020 si prevede la decadenza solo se non si pagano 18 rate anche non consecutive (decadenza lunghissima).

I contribuenti vengono rimessi nei termini per i versamenti delle somme in scadenza nel periodo compreso tra l'8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020 e richieste con comunicazioni degli esiti dei controlli automatizzati e formali (avvisi bonari) non eseguiti entro il 16 settembre 2021 o entro il 16 dicembre in caso di pagamento rateale.

Estratti di ruolo non impugnabili e impugnazioni dirette del ruolo e della cartella di pagamento invalidamente notificata nei soli casi in cui il debitore che agisce in giudizio dimostri che dall'iscrizione a ruolo possa derivargli un pregiudizio per la partecipazione a una procedura di appalto, per la riscossione di somme dovute allo stesso da determinati soggetti pubblici e per la perdita di un beneficio nei rapporti con una pubblica amministrazione.

Tempo fino al 31 gennaio 2022 per versare senza sanzioni e interessi l'IRAP non versata e sospesa per errata applicazione delle disposizioni relative alla determinazione dei limiti e delle condizioni previste dalla Comunicazione della Commissione europea.

Nel 2021 il versamento dell'imposta municipale propria sulle piattaforme marine (IMPI) dovrà avvenire in un'unica soluzione, entro il 16 dicembre e direttamente allo Stato, che poi provvederà a ripartirlo tra i comuni aventi diritto.

Esenzione dalla Tari per alcuni immobili indicati nel Trattato fra la Santa Sede e l'Italia, simbolo dello Stato Pontificio.

Nel caso in cui i componenti dello stesso nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi, siano essi situati all'interno dello stesso Comune che in Comuni diversi, l'agevolazione IMU per l'abitazione principale e le relative pertinenze sarà valida solo in relazione a uno degli immobili.

Gli altri interventi in materia fiscale

Si differiscono i termini per il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi Inail in favore delle federazioni sportive nazionali, degli enti di promozione sportiva e delle associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche che risiedono sul territorio dello Stato.

Crediti d'imposta per le imprese che svolgono attività teatrali e di spettacoli dal vivo, da utilizzare solo in compensazione.

Prorogata di 12 mesi la durata delle concessioni delle aree demaniali e per aree e banchine rilasciate nei porti e per la gestione delle stazioni marittime e servizi di supporto ai passeggeri.

Rinviato al 1 gennaio 2023 l'obbligo per i soggetti che devono inviare i dati al Sistema tessera sanitaria, di memorizzare e trasmettere telematicamente i dati che si riferiscono ai corrispettivi giornalieri. Per questi soggetti viene anche prorogato al 2022 il divieto della fatturazione elettronica per l'elaborazione della dichiarazione precompilata.

Rinviato l'obbligo per i commercianti al minuto di memorizzare e trasmettere telematicamente i dati giornalieri con strumenti evoluti al 1° gennaio 2023.

Cambiano le regole sulla liquidazione dell'imposta di bollo virtuale per Poste Italiane, banche, società d'intermediazione, capogruppo di gruppi bancari e di gestione del risparmio.

Dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, è vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche, quando il valore oggetto di trasferimento, e' complessivamente pari o superiore a 3.000 euro. Dal primo gennaio 2022 il predetto divieto e la predetta soglia sono riferiti sempre alla cifra di 3000 euro.

Lavoro: proroghe e interventi sulla sicurezza

[Torna su]

Al lavoro viene dedicato il capo II del provvedimento, dall'art. 7 bis fino all'art. 12 quinquies che contiene "Misure urgenti in materia di lavoro" e che prevede tra le altre cose anche agevolazioni per i datori di lavoro e imprese che impieghino soggetti affetti da disturbo dello spettro autistico.

Proroga integrazione salariale

Per alcuni settori economici viene prevista la possibilità di beneficiare di un periodo ulteriore d'interventi d'integrazione salariale causa Covid dal 1 ottobre al 31 dicembre 2021, per un periodo massimo di 13 settimane.

Congedo parentale causa Covid

Ancora congedi parentali causa Covid fino dal 22 ottobre 2021 fino al 31 dicembre 2021 per i genitori con figli minori di anni 14 (tra i 14 e i 16) conviventi e senza limiti di età se disabili. Il congedo è previsto per il lavoratore dipendente pubblico e privato e l'autonomo iscritto solo alla gestione separata Inps, a cui viene consentito di assentarsi dal lavoro in alternativa all'altro genitore per un periodo che può coincidere con la quarantena, la malattia o sospensione dell'attività didattica in presenza del figlio, con il riconoscimento di un'indennità.

Fondo lavoratori separati e divorziati

Fondo per genitori lavoratori separati o divorziati e che non sono in grado, in conseguenza della crisi economica legata alla pandemia, di poter versare regolarmente l'assegno di mantenimento. A questo adempimento provvederà lo Stato, riconoscendo un importo massimo di 800 euro al mese se il genitore obbligato al mantenimento ha perso il lavoro, lo ha sospeso o lo ha ridotto a partire dall'8 marzo 2020 per almeno 90 giorni o perché ha subito una riduzione del reddito minima del 30% rispetto al 2019.

Proroga indennità lavoratori aree di crisi Sicilia

Ai lavoratori delle aree di crisi industriale della Sicilia viene prorogata fino al 31 dicembre 2021 l'indennità pari al trattamento di mobilità in deroga prevista dalla normativa vigente.

Regole più severe in materia di sicurezza e lavoro nero

Modifiche al testo principe in materia di sicurezza sul lavoro, rappresentato dal decreto legislativo n. 81/2008. Maggiore coordinamento poi tra i soggetti adibiti a vigilare e a far rispettare le norme sulla sicurezza e rafforzamento della banca dati Inail per una maggiore condivisione delle informazioni.

Per quanto riguarda il lavoro nero, si provvede a rafforzare l'Ispettorato Nazionale del lavoro in materia di sicurezza e salute, a dotarlo di nuova strumentazione informatica per rendere più rapidi ed efficaci i controlli, ma anche di nuovo personale. Si prevede inoltre la sospensione dell'attività per l'imprenditore che ha un 10% di personale in nero o inquadrato come autonomo occasionale in assenza delle condizioni richieste dalla normativa e in presenza di gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro.

Cassa integrazione Alitalia

Altri stanziamenti per finanziare l'integrazione salariale dei dipendenti di Alitalia Sai e Alitalia Cityline in amministrazione straordinaria per 12 mesi, con possibilità di proroga massima fino al 31 dicembre 2022.

Inattività lavorativa e assegno di invalidità

Ha diritto all'assegno assistenziale di invalidità civile di € 287,00 al mese l'invalido parziale che percepisce un reddito non superiore a quello stabilito dall'articolo 14-septies del decreto-legge 30 dicembre 1979, n. 663 pari a € 4.391,00.

Ecobonus auto green e trasporti

[Torna su]

Stanziati 100 milioni di euro per il Fondo finalizzato a incentivare l'acquisito o l'affitto di auto nuove e con un minore impatto sull'ambiente, a basse emissioni di Co2. L'incentivo riguarda in particolare l'acquisito di auto elettriche, ibride non plug in di piccole e medie dimensioni, veicoli commerciali e veicoli usati. Di questi 100 milioni:

  • 65 sono destinati agli acquisti, anche in locazione finanziaria di autoveicoli con emissioni comprese nella fascia 0-60 grammi (g) di anidride carbonica (CO2) per chilometro(Km),
  • 20 per l'acquisto, anche in locazione finanziaria, di veicoli commerciali di categoria N1 nuovi di fabbrica o autoveicoli speciali di categoria M1 nuovi di fabbrica e di questi 15 per i mezzi esclusivamente elettrici;
  • 10 per l'acquisto, anche in locazione finanziaria, di autoveicoli con emissioni comprese nella fascia 61-135 grammi (g) di anidride carbonica (CO2) per chilometro;
  • 5 "ai contributi di cui all'articolo 73-quinquies, comma 2, lettera d), del decreto-legge 25 maggio 2021,n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106.

Altri fondi da destinare nel 2021 alle ferrovie e al trasporto pubblico di massa, per accrescerli e renderli più sicuri. A questi si vanno ad aggiungere altri fondi anche per potenziare la componente aeronavale del Corpo delle capitanerie di porto.

Fino al 31 dicembre 2021 sulle strade saranno presenti 753 unità aggiuntive di personale delle Forze Armate addette a monitorare la circolazione anche per finalità anti Covid.

Scarica pdf Legge n. 215-2021 conversione decreto fiscale n. 146-2021

In evidenza oggi: