Sei in: Home » Articoli

La tessera sanitaria

Cos'è la tessera sanitaria, quando nasce, a cosa serve, quali dati contiene la Carta Nazionale dei Servizi, i possibili utilizzi e i soggetti a cui viene rilasciata
tessera sanitaria lato fronte

di Annamaria Villafrate - La tessera sanitaria in versione "moderna", ossia in plastica, viene distribuita a partire dal 2004. Negli anni però la disciplina che la riguarda si è molto evoluta fino ad arrivare all'ultima e più importante modifica del 2011, che l'ha fatta diventare anche la "Carta Nazionale dei Servizi", che consente di accedere alle prestazioni online della Pubblica Amministrazione.

Una breve guida per illustrarne caratteristiche e funzioni principali:

  1. Cos'è la tessera sanitaria
  2. Quando nasce
  3. A cosa serve
  4. Quali dati contiene
  5. La Tessera Europea Assistenza malattia (T.E.A.M.)
  6. Tessera sanitaria: i possibili utilizzi
  7. Carta Nazionale dei Servizi: a chi viene rilasciata

Cos'è la tessera sanitaria

La tessera sanitaria è un documento gratuito che riporta il codice fiscale del soggetto a cui intestata. Si tratta di un tesserino di plastica delle stesse dimensioni di un comune bancomat o carta di credito. Dura 6 anni o meno e quando si avvicina la scadenzal'Agenzia delle Entrate invia la nuova tessera a tutti coloro che non sono decaduti dal diritto all'assistenza sanitaria. Fino alla sua sostituzione è valida come tesserino del codice fiscale.

Quando nasce

La tessera sanitaria nasce nel 2003, quando viene introdotta dall'art. 50 d.l n. 269/2003 con la finalità di controllare la spesa, le prestazioni e migliorare l'efficienza del Servizio sanitario. Dal 2004 ha inizio la sua distribuzione e quindi la sostituzione delle vecchie tessere. Negli anni la normativa e quindi l'impiego della tessera sanitaria si evolvono, anche se con alcune differenze, nelle varie regioni italiane.

A cosa serve

La tessera sanitaria è un documento personale, che deve essere presentato dal suo intestatario nei casi in cui ha bisogno di acquistare un farmaco, prenotare un esame o una visita specialistica o ha la necessità di certificare il suo codice fiscale. Questa tessera offre la possibilità di usufruire dei servizi sanitari dell'intera Unione Europea ed è emessa in favore di tutti i cittadini che hanno il diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale. L'assistenza a cui il cittadino ha diritto è diretta, tranne i casi in cui è previsto il pagamento di un ticket in genere non rimborsabile, tranne che in casi determinati. Dal 2011 è diventata Tessera Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi e, grazie alla presenza di un microchip, permette al cittadino di accedere alle prestazioni online della Pubblica Amministrazione.

Quali dati contiene

Nella tessera sanitaria sono riportati:

  • i dati anagrafici del soggetto a cui è intestata: nome, cognome, data e luogo di nascita;
  • il codice fiscale;
  • la data di scadenza (sei anni o meno in casi particolari);
  • i caratteri braille per i non vedenti;
  • il microchip contenente il certificato elettronico di riconoscimento dell'identità del cittadino, per accedere ai servizi online offerti dalla Pubblica Amministrazione;
  • la scritta "tessera europea di assicurazione malattia" per l'assistenza sanitaria nell'Unione Europea;
  • il numero d'identificazione del documento;
  • il numero d'identificazione dell'istituzione emittente.

La Tessera Europea Assistenza malattia (T.E.A.M.)

Sul retro della tessera sanitaria è riportata la scritta Tessera Europea Assistenza Malattia (T.E.A.M.), che assicura l'assistenza sanitaria in determinati paesi dell'Unione Europea. Per avere diritto alle prestazioni sanitarie si può andare da un medico o in una struttura sanitaria pubblica o convenzionata e mostrare la tessera.

La T.E.A.M non è utilizzabile però se il paziente ha bisogno di trasferirsi all'estero per sottoporsi a cure altamente specializzate. In questo caso infatti occorre l'autorizzazione preventiva da parte della A.S.L di appartenenza.

Può accadere che il titolare della tessera sanitaria non abbia diritto a usare la T.E.A.M. In questo caso la carta è invalidata tramite la stampa di asterischi. In caso contrario i dati esposti sono:

  • la banda magnetica in cui sono registrati i dati anagrafici dell'assistito;
  • il codice fiscale sotto forma di codice a barre;
  • sla igla identificativa dello Stato che emette la tessera;
  • il numero di identificazione del titolare
  • il numero di identificazione del documenti;
  • la scadenza della tessera.

Tessera sanitaria: i possibili utilizzi

Alla luce di quanto esposto la tessera sanitaria può essere utilizzata come:

  • documento per accedere alle cure del servizio Sanitario nazionale (prenotazione esami, acquisto dei farmaci, visite specialistiche presso ospedali o ambulatori A.S.L);
  • carta nazionale dei servizi per accedere alle prestazioni online della P.A;
  • tessera europea di assicurazione malattia – T.E.A.M – per ricevere assistenza sanitaria fuori dal territorio italiano;
  • codice fiscale, per certificarlo quando occorre.

Carta Nazionale dei Servizi: a chi viene rilasciata

La tessera sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi è emessa in favore:

  • dei titolari di codice fiscale che hanno diritto all'assistenza sanitaria nazionale;
  • dei nuovi nati a cui è stato assegnato il codice fiscale e ai quali viene inviata automaticamente una Tessera con validità annuale a cui segue, dopo l'invio dei dati da parte della ASL al sistema dedicato alla Tessera Sanitaria, l'invio di una nuova tessera della durata di 6 anni.

La tessera sanitaria T.E.A.M invece è rilasciata:

  • a tutti i cittadini residenti in Italia iscritti al Servizio Sanitario Nazionale;
  • ai cittadini comunitari ed extracomunitari iscritti al S.S.N che non risultano a carico di Istituzioni estere;
  • ai lavoratori iscritti all'Anagrafe italiani Residenti all'Estero (A.I.R.E);
  • agli studenti iscritti all'AIRE;
  • ai pensionati e ai loro familiari se possiedono un modello E121 o S1;
  • ai familiari dei lavoratori, che hanno la residenza in un Paese diverso e che possiedono il modello E109 o S1.

(06/09/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: wikipedia.org autore Krdan
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss