Riforma del processo civile: riti più semplici e veloci, prima udienza, impugnazioni, rafforzamento mediazione e negoziazione assistita, istruzione stragiudiziale

Riforma processo civile in vigore dal 18 ottobre 2022


[Torna su]
In vigore dal 18 ottobre 2022 il decreto legislativo che attua la riforma del processo civile affidata al Governo, la cui legge delega n. 206/2021 era stata approvata il 25 novembre 2021.
Dopo i pareri di Camera e Senato e il sì del governo il testo del decreto attuativo è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale per entrare in vigore il 18 ottobre (d.lgs. n. 149/2022 sotto allegato).

Ricordiamo i punti salienti della riforma:

Processo di cognizione: prima udienza decisiva

[Torna su]
Processo rapido, concentrato e semplice per una tutela effettiva e il rispetto della ragionevole durata del processo.
Nel dettaglio:

La prima udienza diventa decisiva

Alla prima udienza si arriva con le "carte scoperte".
  • Nell'atto di citazione l'attore dovrà indicare i fatti, gli elementi di diritto costituenti le ragioni della domanda in modo chiaro e specifico, i mezzi di prova e i documenti che offre in comunicazione, l'avvertimento sull'obbligatorietà della difesa tecnica mediante avvocato nei giudizi davanti al Tribunale (ad eccezione dei casi previsti dall'art. 86 o da leggi speciali) e avvertendo della possibilità di accedere al gratuito patrocinio. Nell'atto di citazione l'attore è tenuto altresì ad avvertire il convenuto a costituirsi nel termine di 70 giorni prima dell'udienza indicata ai sensi dell'art. 166, avvertendo che la costituzione oltre dettei termini comporta le decadenze di cui agli articoli 38 e 167.
  • Cambiano i termini: tra il giorno della notificazione della citazione e quello dell'udienza di comparizione debbono intercorrere termini liberi non minori di 120 giorni.
  • Il convenuto, dovrà costituirsi nel termine di 70 giorni prima dell'udienza e dovrà indicare mezzi di prova e documenti nella comparsa di risposta, proponendo tutte le sue difese e prendendo posizione sui fatti posti dall'attore a fondamento della domanda in modo chiaro e specifico.
  • A pena di decadenza attore e convenuto potranno, con memorie integrative 40 giorni prima dell'udienza 183 proporre domande ed eccezioni conseguenza della riconvenzionale o delle eccezioni del terzo o del convenuto, precisare o modificare le domande, le eccezioni e le conclusioni. L'attore con questa memoria può chiedere l'autorizzazione a chiamare in causa un terzo se questo è conseguenza delle difese del convenuto nella comparsa. Almeno 20 giorni prima dell'udienza di trattazione le parti possono replicare elle nuove domande ed eccezioni e almeno 10 giorni prima replicare alle nuove eccezioni e indicare prova contraria.

Assunzione delle prove entro 90 giorni

La prima udienza avrà un ruolo cruciale. L'attore è chiamato a replicare subito alle difese del convenuto, con domande ed eccezioni. Entrambe le parti potranno articolare i mezzi di prova.

Le parti saranno tenute a comparire personalmente all'udienza di comparizione per il tentativo di conciliazione (articolo 185 c.p.c.), che potrà essere rinnovato in qualunque momento dell'sitruzione, nel rispetto però del calendario. La mancata comparizione personale senza giustificati motivi sarà valutabile dal giudice (art. 116, comma 2 c.p.c). Il giudice all'esito dell'udienza dovrà provvedere sulle richieste istruttorie, predisponendo il calendario del processo e disponendo che l'udienza per l'assunzione delle prove sia fissata entro 90 giorni.

All'udienza di trattazione il giudice può anche decidere che il processo debba proseguire nelle forme del rito semplificato sentite le parti e se ricorrono i presupposti richiesti dalla legge.

Decisioni più veloci

Fase decisoria rimodulata. In caso di discussione orale (art. 281-sexies c.p.c.), il giudice potrà riservare il deposito della sentenza entro un termine non superiore ai 30 giorni dall'udienza di discussione.

Se il giudice procede ai sensi dei primi tre commi art. 187 o 188 fissa davanti a sé l'udienza di rimessione della causa al collegio e assegna alle pari, salvo rinuncia, i seguenti termini perentori:
  • fino a 60 giorni prima dell'udienza per il deposito di note scritte di precisazione delle conclusioni;
  • fino a 30 giorni prima dell'udienza per il deposito delle comparse conclusionali;
  • fino a 15 giorni prima dell'udienza per il deposito delle memorie di replica.

Appello: atto introduttivo più rigoroso

Modificata la fase introduttiva dell'appello. Il ricorso andrà formulato in materia puntuale e rigorosa e le indicazioni previste a pena di inammissibilità andranno esposte in modo chiaro, sintetico e specifico.

Rinvio pregiudiziale in Cassazione

Introdotto il c.d. "rinvio pregiudiziale" in Cassazione: i giudici di merito potranno sollecitare una decisione della Suprema Corte per definire questioni di diritto importanti, non ancora risolte dalla Cassazione o che presentano gravi difficoltà interpretative o quando sono suscettibili di porsi in numerosi giudizi. Il giudizio di merito verrà sospeso dal giorno del deposito dell'ordinanza a meno che non sia necessario procedere al compimento di atti urgenti e attività istruttorie che non dipendono dalla soluzione attesa dalla Cassazione.

Processo civile telematico anche per il giuramento del CTU

Il giuramento del CTU, potrà essere reso con dichiarazione sottoscritta con firma digitale dal consulente nominato. tale modalità, decisamente più celere e snella va rimpiazzare l'udienza di comparizione che fino ad oggi doveva essere fissata appositamente per il giuramento, con un risparmio notevole di tempo.

Processo del lavoro: priorità alle cause per la reintegrazione

Si vuole unificare e coordinare la disciplina dei procedimenti di impugnazione dei licenziamenti, anche quando devono risolversi questioni relative alla qualificazione del rapporto di lavoro.
Avrà carattere prioritario la trattazione delle cause di licenziamento in cui verrà proposta domanda di reintegrazione del lavoratore.

Ricorso 409 c.p.c. per le azioni di impugnazione dei licenziamenti dei soci delle cooperative, anche quando cessa il rapporto associativo. Per impugnare i licenziamenti discriminatori si potrà ricorrere al rito lavoro a a quelli speciali, ma fatta una scelta non si potrà cambiare rito.

Processo di esecuzione: addio alla formula esecutiva

Ampia riforma per l'espropriazione immobiliare.

Abrogate le disposizioni relative alla formula esecutiva e alla spedizione in forma esecutiva.


Per valere come titolo esecutivo, le sentenze, gli altri provvedimenti dell'autorità giudiziaria e gli atti ricevuti da notaio o da altro pubblico ufficiale dovranno essere formati in copia attestata conforme all'originale.

Vedi Il debitore potrà vendere direttamente l'immobile pignorato

Rito unificato per persone e famiglia


Previsto il rito unificato "Procedimento in materia di persone, minorenni e famiglie" per i procedimenti relativi allo stato delle persone, ai minorenni e alle famiglie di competenza del tribunale ordinario, del tribunale per i minorenni e del giudice tutelare, con alcune esclusioni. La competenza spetterà al tribunale in composizione collegiale, con facoltà di delega, in ordine alla trattazione e all'istruzione, al giudice relatore.
Centrali le figure del curatore speciale del minore e il pubblico ministero. Valorizzato l'ascolto del minore che ha compiuto i 12 anni o capace di discernimento se di età inferiore. Porte aperte in qualunque momento alla mediazione familiare. Il giudizio dovrà essere introdotto con ricorso.

Misure di salvaguardia e protezione in caso di violenza domestica e di genere e tutele particolari per il minore in presenza di episodi di violenza, se si deve decidere sul suo affidamento.

La c.d. sindrome d'alienazione parentale (PAS) esce dalle aule. Il CTU nominato dovrà infatti attenersi solo ai protocolli e alle metodologie riconosciuti dalla comunità scientifica.

Mediazione e negoziazione assistita estese, arbitrato rafforzato

[Torna su]
Per deflazionare il carico dei processi si favoriscono negoziazione assistita e arbitrato e si estende il ricorso obbligatorio preventivo alla mediazione in nuove materie.
Riordino e semplificazione degli incentivi fiscali relativi alle procedure stragiudiziali di risoluzione delle controversie e istruzione stragiudiziale nella negoziazione assistita 8anche nelle controversie di lavoro) con acquisizione della confessione stragiudiziale e delle dichiarazioni di terzi, se le parti lo consentono e se partecipano tutti gli avvocati che assistono le parti.

In questo modo si anticipa l'istruzione probatoria, anche occorre ancora disciplinare in che modo queste prove potranno essere utilizzate in giudizio.

Riformato l'istituto della mediazione, condizione di procedibilità nelle cause che hanno ad oggetto controversie in materia di condominio, diritti reali, successioni ereditarie, divisione, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o altro mezzo tipici ta, contratti assicurativi, bancari e finanziari, associazioni in partecipazione, consorzio, franchising, opera, rete, somministrazione, società di persone e subfornitura.

Leggi anche Riforma processo civile: le novità sulla mediazione e Negoziazione assistita estesa

Rafforzato infine anche l'istituto dell'arbitrato.

Guarda il video sulla Riforma del processo civile


Scarica pdf legge n. 206/2021 legge riforma processo civile
Scarica pdf dossier riforma processo civile Camera
Scarica pdf scheda di sintesi riforma processo civile
Scarica pdf di questo speciale sulla Riforma del processo civile
Scarica pdf D.Lgs. n. 149/2022

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: