Sei in: Home » Articoli

L'assegno di ricollocazione

Cos'è l'assegno di ricollocazione, a chi è destinato, come si spende, quanto dura, quando si perde, le misure incompatibili e come fare per ottenerlo
ingranaggio con parole job center centro lavoro

di Annamaria Villafrate - L'assegno di ricollocazione è una misura di sostegno per la ricerca attiva del lavoro previsto dal dlgs n. 150/2015, noto come Jobs Act, riconosciuto ai disoccupati da almeno 4 mesi titolari della Naspi. Erogato dall'Anpal, ovvero l'Agenzia nazionale del lavoro, non spetta al lavoratore, ma ai centri per l'impiego e agli enti accreditati che riescono a ricollocare il soggetto disoccupato. L'assegno di ricollocazione previsto dall'art. 23 del Jobs Act è incompatibile con altre misure di riqualificazione e formazione professionale, compreso il patto con il centro per l'impiego. La legge stabilisce termini di utilizzo, decadenza e sanzioni nei confronti di chi non rispetta tempi, modi e condizioni di spendibilità dell'assegno, al fine di stimolare la ricerca attiva effettiva del lavoro. Per fare domanda ci si deve rivolgere ai centri per l'impiego, all'Anpal o agli istituti di patronato convenzionati Anpal. La Legge di Bilancio 2018 riconosce l'assegno di ricollocazione anche ai lavoratori rientranti in accordi previsti per il reimpiego in caso di cassa integrazione guadagni straordinaria conseguente a riorganizzazione aziendale o crisi.

Ecco la guida completa:

  1. Cos'è l'assegno di ricollocazione
  2. Disciplina
  3. Requisiti
  4. Importo assegno ricollocazione
  5. Durata
  6. Servizio di assistenza
  7. Condizioni e sanzioni
  8. Assegno ricollocazione: a chi fare domanda

Cos'è l'assegno di ricollocazione

L'assegno di ricollocazione è un voucher che permette ai disoccupati di riqualificarsi professionalmente e rientrare nel mondo del lavoro. Grazie all'assegno di ricollocazione infatti si può ottenere assistenza, da parte dei centri per l'impiego o degli enti accreditati, nella ricerca di una nuova occupazione. La prima fase di sperimentazione ha avuto inizio nel marzo del 2017, la seconda invece ad aprile 2018 e da settembre è a regime.

Disciplina

L'assegno di ricollocazione è disciplinato dall'art. 23 del dlgs n. 150/2015 "Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 10 dicembre 2014, n. 183" noto come Jobs Act.

Requisiti

Non tutti i disoccupati hanno diritto all'assegno di ricollocazione. Come prevede l'art. 23 dlgs n. 150/2015 esso spetta solo a coloro che:

  • si trovano in stato di disoccupazione da quattro mesi;
  • siano titolari della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (Naspi) di cui al dlgs n. 22/2014.

Incompatibilità


Nel momento in cui il disoccupato chiede il servizio di assistenza alla ricollocazione, l'eventuale patto stipulato con il centro per l'impiego è sospeso. Parimenti non possono accedere a questa misura coloro che fanno già parte di un programma finalizzato al reimpiego come:

  • contratti di ricollocazione o dote lavoro erogati dalle regioni e dalla province autonome;
  • corsi di formazione finalizzati all'inserimento lavorativo o all'adempimento di obblighi formativi;
  • tirocini extracurricolari,
  • servizio civile;
  • finanziamenti pubblici per l'avvio di attività.

Importo assegno ricollocazione

L'assegno di ricollocazione, ai sensi dell'art. 23, è rilasciato "nei limiti delle disponibilità assegnate a tale finalità per la regione o per la provincia autonoma di residenza ai sensi dell'articolo 24." Esso è esente fiscalmente, non è gravato dalla contribuzione previdenziale e assistenziale e può essere speso solo per il servizio intensivo di assistenza per la ricerca di lavoro presso i centri per l'impiego o i soggetti privati accreditati scelti dal disoccupato, al cui Albo è possibile accedere dal sito dell'Anpal.

L'importo varia in base:

  • alle probabilità del disoccupato di trovare una nuova occupazione, ovvero la somma aumenta al diminuire delle possibilità di ricollocarsi, perché in questo caso l'impegno nella ricerca è più intenso;
  • al tipo di contratto lavorativo che alla fine del percorso verrà stipulato. Questo perché l'agenzia riceve l'incentivazione economica solo se il lavoratore trova effettivamente un impiego alla fine del percorso.

L'importo dell'assegno viene erogato, in base al contratto lavorativo concluso, nelle seguenti misure:

  • da 1000 a 5000 euro per contratti a tempo indeterminato e di apprendistato;
  • da 500 a 2500 per contratti a termine di durata uguale o superiore a sei mesi;
  • da 250 a 1250 per contratti a termine di durata uguale o superiore a 3 mesi e fino a 6 mesi per le Regioni meno sviluppate.

Durata

Il richiedente ha due mesi di tempo dal rilascio, a pena di decadenza, per spendere l'assegno di ricollocazione, che ha una durata di sei mesi, prorogabili per altri, se l'importo non viene speso per intero.

Servizio di assistenza

Il servizio di assistenza alla ricollocazione prevede diritti, ma anche obblighi a carico del disoccupato:

  • affiancamento di un tutor al soggetto richiedente;
  • elaborazione di un programma di ricerca intensiva della nuova occupazione con eventuale percorso di riqualificazione in base ai possibili sbocchi professionali presenti nell'area geografica di riferimento;
  • assunzione dell'onere di svolgere le attività indicate dal tutor;
  • impegno ad accettare un'offerta di lavoro congrua.

Condizioni e sanzioni

Se il disoccupato rifiuta una delle attività indicate dal tutor o un'offerta lavorativa, chi eroga il servizio deve comunicarlo al centro per l'impiego competente e all'Anpal che sono competenti a irrogare le sanzioni di cui all'articolo 21, commi 7 e 8 che consistono nella decurtazione di una parte dell'importo dell'assegno o la decadenza dalla misura stessa. L'erogazione invece è sospesa se il disoccupato è assunto in prova, anche se può riprendere "dopo l'eventuale conclusione del rapporto entro il termine di sei mesi."

Assegno ricollocazione: a chi fare domanda

La domanda per l'assegno di ricollocazione può essere effettuato dal disoccupato presso

  • i centri per l'impiego, che lo rilasciano in base agli esiti della profilazione;
  • il sito dell'Anpal in modalità telematica, previa richiesta via e-mail delle credenziali per accedere alla procedura;
  • gli istituti di patronato convenzionati Anpal.
Leggi anche:


(06/10/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Mendicante insistente? Multa e carcere fino a 6 mesi
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Ddl concretezza: tutte le misure approvate
Newsletter f g+ t in Rss