L'Ispettorato del Lavoro è un'agenzia che si occupa di svolgere le ispezioni necessarie a garantire il rispetto delle norme in materia di lavoro e sicurezza
ispettore del lavoro con lente

Cos'è l'Ispettorato del Lavoro

[Torna su]

L'Ispettorato nazionale del Lavoro è un'agenzia istituita con il dlgs n. 149/2015, che si occupa di effettuare le ispezioni del lavoro. A disciplinarne le attività e il funzionamento è intervento il dPR n. 109/2016. Dotata di una sua autonomia contabile e organizzativa, è sottoposta al controllo del Ministero del Lavoro e della Corte dei Conti, che effettuano verifiche periodiche per accertare il raggiungimento degli obiettivi e la gestione adeguata delle risorse. La sede centrale si trova a Roma, ma l'Ispettorato è presente capillarmente sul territorio grazie alle sue sedi, che non possono superare il numero di 80.

Gli organi dell'Ispettorato del Lavoro

[Torna su]

L'ispettorato del lavoro funziona grazie alla presenza di tre organi.

Il Capo dell'Ispettorato è il soggetto che rappresenta l'Agenzia e ne assume la responsabilità. Il suo compito è quello di dare attuazione agli indirizzi e alle linee guida elaborate e definite con il Consiglio di Amministrazione e approvate dal Ministero. Al Capo dell'Ispettorato spettano inoltre tutti quei compiti non espressamente attribuiti dallo Statuto dell'Agenzia agli altri organi.

Il Collegio dei revisori è presieduto dal Presidente del Collegio dei revisori, le cui funzioni sono attribuite previa intesa con il Ministero dell'Economia e delle Finanze. I membri del Collegio possono ricoprire la carica per una durata massima di tre anni e il mandato non è rinnovabile. I revisori, così come i membri del Consiglio di Amministrazione possono prendere parte alle sedute anche in modalità telematica.

Il Consiglio di Amministrazione è composta da 4 membri di elevata competenza in materia di vigilanza e legislazione sociale, nominati con decreto del Ministero del lavoro. Dei quattro membri uno è indicato dall'Inps e un altro dall'Inail. Il suo compito principale è di collaborare con il capo dell'Ispettorato e di coadiuvarlo nello svolgimento delle sue funzioni.

Cosa fa l'Ispettorato del lavoro

[Torna su]

Operativa dal primo gennaio 2017, l'Agenzia si occupa di svolgere le attività ispettive già svolte dall'Inail, dall'Inps e dal Ministero del Lavoro. Essa inoltre si occupa di:

  • coordinare sul territorio nazionale la vigilanza sul lavoro, sulla contribuzione, sull'assicurazione obbligatoria e sulla legislazione sociale, compresa quella in materia di tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro;
  • eseguire gli accertamenti necessari per verificare la spettanza delle prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali;
  • stabilire l'applicazione della tariffa dei premi;
  • emettere circolari di natura interpretativa in materia di ispezioni e sanzioni;
  • emanare direttive operative al proprio personale, previa acquisizione di parere conforme del Ministero del Lavoro;
  • proporre obiettivi quantitativi e qualitativi delle verifiche ispettive e monitorarne il raggiungimento;
  • provvedere alla formazione e all'aggiornamento del personale ispettivo, anche quello di Inail e Inps;
  • mettere in atto la necessaria attività di prevenzione e promozione della legalità per contrastare il lavoro sommerso;
  • svolgere tutte quelle attività collegate al ruolo ispettivo del Ministero del Lavoro;
  • riferire informazioni che si rivelano utili per consentire al Ministero, all'Inail e all'Inps di svolgere le proprie attività istituzionali e di programmazione.
Leggi anche:

- Lavoro notturno: i chiarimenti dell'ispettorato
- Reddito cittadinanza e maxisanzione lavoro nero: si applica anche ai familiari
- Lavoro: l'impugnazione della sanzione disciplinare
- Il rapporto di lavoro
Condividi
Feedback

(24/04/2020 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: