Bonus bebè 2020

Condividi
Seguici

Come cambia il bonus bebè 2020, l'assegno di natalità, misura di sostegno per le famiglie che, dal prossimo anno diventa una prestazione ad accesso universale
mamma o baby sitter con bambino in passeggino
di Lucia Izzo - La manovra di Bilancio per il 2020 ha introdotto nuove tasse, ma al tempo stesso ha riservato interventi importanti al sostegno di famiglie e disabili.
  • 1. Manovra 2020: gli interventi per famiglie e disabili
  • 2. Bonus bebè: di cosa si tratta
  • 3. Il valore ISEE
  • 4. Bonus bebè 2020 fino a 1.920 euro
  • Manovra 2020: gli interventi per famiglie e disabili

    Da un lato è stata incrementata di 2 milioni di euro per il 2020 la dotazione del "Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare" (Fondo Dopo di noi), mentre dall'altro è stato istituito un fondo a carattere strutturale denominato "Fondo per la disabilità e la non autosufficienza", con una dotazione di 29 milioni di euro per il 2020, di 200 milioni di euro per il 2021, di 300 milioni di euro annui a decorrere dal 2022.

    Nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali è stato, invece, istituito un fondo denominato "Fondo assegno universale e servizi alla famiglia", con una dotazione pari a 1.044 milioni di euro per l'anno 2021 e a 1.244 milioni di euro annui a decorrere dal 2022.

    Le risorse del Fondo saranno indirizzate all'attuazione di interventi in materia di sostegno e valorizzazione della famiglia nonché al riordino e alla sistematizzazione delle politiche di sostegno alle famiglie con figli.
    Con appositi provvedimenti normativi, a valere sulle risorse del Fondo, si provvede a dare attuazione agli interventi ivi previsti nonché, nei limiti di spesa stabiliti, al rinnovo del Bonus bebè per il 2020 e al finanziamento del Bonus asili nido.

    Bonus bebè: di cosa si tratta

    L'assegno di natalità (c.d. bonus bebè), si ricorda, è una misura a sostegno della famiglia istituita dalla legge di stabilità 2015 per un periodo di tre anni a favore dei nati o dei minori adottati nel triennio 2015-2017; successivamente, grazie alla L. n. 205/2017, il bonus bebè è stato riconosciuto, soltanto per la durata di un anno, anche per i nati o adottati nel 2018.

    La legge n. 119/2018, infine, ha sancito l'ulteriore estensione del bonus anche ai nati o adottati dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, fino al compimento del primo anno di età o di ingresso nel nucleo familiare.

    Il D.L. 119/2018 ha anche previsto una maggiorazione del 20% dell'importo dell'assegno per le nascite e adozioni intervenute nel 2019 relativamente ai figli successivi al primo.

    Per approfondimenti: Il bonus bebè

    Il valore ISEE

    L'importo del Bonus bebè dipende dal valore dell'ISEE minorenni calcolato con riferimento al nucleo familiare. L'ISEE minorenni è richiesto per l'accesso alle prestazioni agevolate rivolte ai minorenni che siano figli di genitori non coniugati tra loro e non conviventi; nei nuclei familiari in cui i genitori sono sposati o convivano l'ISEE minorenni corrisponde all'ISEE ordinario.

    Nel dettaglio, l'assegno annuo viene riconosciuto per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, da corrispondere mensilmente fino al terzo anno di vita del bambino, oppure fino al terzo anno dall'ingresso in famiglia del figlio adottato, a favore dei nuclei familiari il cui genitore richiedente sia in una situazione economica corrispondente ad un valore dell'ISEE non superiore a 25.000 euro annui.
    Dal 2018, la misura viene riconosciuta per un solo anno, restando fermi i requisiti reddituali. Dal 2020, invece, la legge di bilancio ha rimodulato l'assegno di natalità, innalzando anche le soglie Isee.

    Bonus bebè 2020 fino a 1.920 euro

    La Legge di Bilancio 2020, al comma 340, infatti, rinnova ed estende l'assegno di natalità (c.d. Bonus bebè) per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020. Con riferimento a tali soggetti, il bonus è riconosciuto soltanto per la durata di un anno ed è dunque corrisposto esclusivamente fino al compimento del primo anno di età ovvero del primo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito dell'adozione.

    Per effetto delle novità, il Bonus diviene una prestazione c.d. "ad accesso universale", modulata a seconda delle fasce di reddito di riferimento e articolata su tre fasce ISEE, più precisamente:

    - assegno annuale di 1.920 euro (160 euro al mese) per le famiglie con ISEE minorenni non superiore a 7.000 euro annui;
    - assegno annuale di 1.440 euro (120 euro al mese) per le famiglie con ISEE minorenni superiore alla soglia di 7.000 euro e non superiore a 40.000 euro;
    - assegno annuale di 960 euro (80 euro al mese) per le famiglie con un ISEE minorenni superiore a 40.000 euro.

    Come già previsto, in caso di figlio successivo al primo, nato o adottato tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, l'importo dell'assegno di cui alle lettere è aumentato del 20%.
(29/12/2019 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Buoni fruttiferi postali: quando valgono gli interessi indicati sul retro
» Colpa medica: risarcimento con la Balduzzi anche per fatti antecedenti

Newsletter f t in Rss