Il beneficio per le utenze sale da 4 a 5,2 milioni di famiglie. Il contributo è automatico: non serve presentare la domanda

Sale a 12mila euro il tetto Isee

[Torna su]

Il decreto anti-rincari del governo non si occupa solo di carburanti: tra le misure previste c'è anche l'ampliamento della platea del bonus bollette, per frenare l'effetto dei rincari sulle utenze dovuto all'aumento del costo dell'energia. Con validità fino al 31 dicembre è stato alzato a 12mila euro il tetto Isee delle famiglie che necessitano di usufruire del piano di rateizzazione previsto dal precedente bonus bollette. L'aiuto si applicherà dal prossimo primo aprile.

Bonus sociale per il disagio economico

[Torna su]

Dal 2021 il bonus sociale elettrico per disagio economico è riconosciuto automaticamente in bolletta. Chi ha diritto al bonus sociale per disagio economico non deve più presentare una specifica domanda presso i Comuni o i CAF; é sufficiente presentare ogni anno solo la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), tramite ad esempio il Comune, i CAF o il sito INPS, al fine di ottenere l'attestazione ISEE utilizzata per accedere alle varie prestazioni sociali agevolate. Comuni e CAF non possono più accettare le domande specifiche per l'ottenimento del bonus per disagio economico e quelle eventualmente inoltrate non saranno valide per il riconoscimento. L'ultimo decreto dell'Esecutivo alza il tetto Isee della prima fattispecie (da 8265 euro) a 12 mila euro. In presenza dei requisiti sopra elencati, l'INPS invia i dati del nucleo familiare al SII (Sistema Informativo Integrato, gestito dalla società Acquirente Unico), tramite questi, gli operatori ricevono le informazioni per riconoscere automaticamente il bonus in bolletta.

Bonus energia (luce e gas)

[Torna su]

Nel caso del bonus sociale luce e gas si tratta di una riduzione delle spese sulle bollette di elettricità e gas naturale e consiste nella possibilità di usufruire di uno sconto in bolletta per tutti gli utenti domestici e non domestici in condizioni economicamente svantaggiate. Inoltre il decreto legge 27 gennaio 2022, n. 4, cosiddetto Decreto Sostegni ter, con un provvedimento da 540 milioni di euro, ha previsto ulteriori agevolazioni per le imprese energivore che, rispetto al 2019, hanno visto aumentare del 30% la spesa in bolletta. In questo caso alle imprese spetta, sotto forma di credito d'imposta, un contributo corrispondente al 20% delle spese elettriche. Per la questione per il gas, l'agevolazione dipende, oltre che dal tipo di nucleo familiare, anche dal tipo di consumo utilizzato per il gas. Il presidente Mario Draghi ha dichiarato che ci sarà l'innalzamento del tetto Isee e che quindi la platea delle famiglie beneficiarie salirebbe da 4 a 5,2 milioni. Il provvedimento che prevede il tetto Isee per l'accesso al bonus sia innalzato fino a 12 mila euro fino al 31 dicembre di quest'anno.


In evidenza oggi: