Il Decreto sostegni proroga il blocco dei licenziamenti fino al 30 giugno e fino al 31 ottobre 2021 solo per certe aziende
uomo con cartello di stop

Blocco licenziamenti fino al 30 giugno e al 31 ottobre

[Torna su]

Il Decreto Sostegni in Gazzetta dal 22 marzo e in vigore da giorno successivo all'art. 8 (sotto allagato) si occupa dei trattamenti d'integrazione salariale e proroga ancora una volta il blocco dei licenziamenti.

Il primo provvedimento a predisporre il blocco dei licenziamenti in fase pandemica è stato il decreto Cura Italia n. 18/2021. Il secondo provvedimento che ha prorogato fino al 30 marzo 2021 il blocco dei licenziamenti è stata la legge di bilancio n. 178/202 per il 2021.

Da ultimo il decreto Sostegni n. 41/2021 del Governo Draghi ha prorogato ulteriormente il divieto dei licenziamenti fino al 30 giugno 2021, con proroga fino al 31 ottobre 2021 per quei settori che beneficiano della cassa in deroga e dell'assegno ordinario.

I tipi di licenziamenti vietati fino al 30 giugno

[Torna su]

Il decreto Sostegni prevede il divieto dei licenziamenti di tipo economico, siano essi individuali o collettivi, senza tenere conto delle ragioni che ne sono alla base. In particolare a essere vietate sono:

  • le procedure di licenziamento collettivo previste dalla legge n. 223/1991 "Norme in materia di cassa integrazione, mobilità, trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive della Comunità europea, avviamento al lavoro e altre disposizioni in materia di mercato del lavoro" che sono state avviate dopo il 23 febbraio e prima del 17 marzo del 2020 sono sospese fino alla data di scadenza del divieto di licenziamento;
  • le procedure di licenziamento collettivo sempre previste dalla legge n. 223/1991 che sono state invece avviate dopo il 17 marzo 2020 sono impedite. Chi quindi ha intenzione di procedere al licenziamento collettivo potrà farlo solo alla fine del periodo del blocco, ma dovrà procedere a una nuova comunicazione;
  • vietati anche i licenziamenti individuali di tipo economico;
  • sospese le procedure avviate in base a quanto previsto dall'art. 7 della legge Fornero n. 604/1966.

Ricordiamo che i licenziamenti economici o per giustificato motivo oggettivo sono quelli che non dipendono dalla condotta del lavoratore, ma che vengono disposti dal datore di lavoro quando intende procedere a una riorganizzazione aziendale.

I licenziamenti consentiti

[Torna su]

Non sono interessati dal blocco dei licenziamenti del decreto Sostegni i seguenti:

  • licenziamenti per giusta causa avviati per ragioni disciplinari;
  • licenziamenti motivati dal superamento per periodo di comporto (art. 2110 c.c., comma 2), ossia il periodo durante in quale il dipendente in malattia o infortunato ha diritto a conservare il suo posto di lavoro;
  • licenziamenti disposti a causa della procedura di cambio appalto, con assunzione del dipendente da parte del nuovo appaltatore;
  • licenziamenti conseguenti alla cessazione definitiva dell'attività o al fallimento dell'attività senza esercizio provvisorio;
  • risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, in virtù di un accordo collettivo aziendale siglato con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative o con le Rappresentanze Sindacali Aziendali a cui segue il riconoscimento di un importo per incentivare l'uscita e la Naspi.

Licenziamenti vietati in due blocchi

[Torna su]

Come anticipato il decreto sostegni ha previsto il blocco dei licenziamenti in due fasi distinte:

  • fino al 30 giugno 2021 il divieto dei licenziamenti riguarda tutte quelle aziende che beneficiano della Cassa Integrazione ordinaria e straordinaria;
  • fino al 31 di ottobre 2021 invece non possono essere licenziati i lavoratori delle aziende che godono di strumenti in deroga.

Dal primo luglio al 31 di ottobre 2021 il divieto di licenziamento riguarda i datori di lavoro che possono accedere alla cassa integrazione in virtù del Decreto Sostegni.

Leggi anche Decreto sostegni: tutte le misure

Scarica pdf Art 8 Decreto Sostegni n. 41-2021
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: