Sei in: Home » Articoli

Decreto crescita: tutte le misure

Condividi
Seguici

Dalla sanatoria al superammortamento, passando dagli incentivi per l'edilizia, fino alla riforma della Sabatini, tutte le misure del decreto crescita in vigore dal 1 maggio 2019
bambina mostra crescita in una scala

di Annamaria Villafrate - Il decreto crescita, pubblicato in gazzetta il 30 aprile, è in vigore dal primo maggio 2019, giornata simbolo dedicata al lavoro. Durante l'iter di approvazione non sono mancati scontri e polemiche su alcune misure che a quanto pare, potrebbero animare il dibattito anche in sede di conversione. Per quanto riguarda il testo, come si poteva già intuire dalle varie bozze, alle misure fiscali si affiancano quelle per rilanciare gli investimenti privati, per tutelare il made in Italy e altre più specifiche, come gli indennizzi ai risparmiatori truffati o la norma sui debiti degli enti locali.

Vediamo quindi, cosa prevede il testo del decreto n. 34/2019 del Governo Giallo Verde pubblicato in Gazzetta, suddividendo le misure per macroaree:

  1. Rimborsi ai risparmiatori
  2. Novità in materia fiscale
  3. Incentivi casa
  4. Imprese
  5. Lavoro
  6. Tutela del made in Italy e marchio storico
  7. Salva Roma

Rimborsi ai risparmiatori

Introdotta una norma che stabilisce le modalità di rimborso in favore dei risparmiatori truffati con un tetto di reddito più elevato per i rimborsi automatici: chi ha fino a 35.000 euro di reddito imponibile nel 2018 o un patrimonio mobiliare fino a 100.000 euro, avrà diritto a rimborsi diretti, forfettari.

Novità in materia fiscale

Dal supermmortamento per chi reinveste gli utili nell'attività, al regime di favore per i cervelli che rientrano in Italia e magari comprano casa, all'ennesimo condono che questa volta riguarda gli enti locali, ecco cosa cambia dal punto di vista fiscale con il decreto crescita.

Super ammortamento

Da aprile 2019 fino alla fine dell'anno maggiorazione dell'ammortamento al 130% per coloro che effettueranno investimenti in beni strumentali esclusi immobili, vetture e attrezzature di lunga durata.

Diminuzione graduale IRES

Diminuzione graduale dell'aliquota IRES che dal 22,5 % del 2019, scenderà poi al 21,5 % nel 2020, al 20,5 nel 2021 per arrivare al 20% nel 2022 sugli utili reinvestiti. In previsione l'eliminazione della Mini IRES (introdotta nella legge di bilancio 2019)

Aumento deducibilità IMU

L'IMU potrà essere dedotta a partire dal 2019 nella percentuale del 50% e nel 2020 del 60%.

Rientro dei cervelli

Per ricercatori e docenti che trasferiscono la residenza in Italia a partire dal 2020 sono previste le seguenti agevolazioni:

sale dal 50 al 70% la base imponibile che non verrà tassata;

aumentano da 4 a 6 i periodi d'imposta che beneficeranno del regime di favore;

agevolazioni ulteriori in presenza di figli minori e per chi acquista di un immobile residenziale in Italia.

Forfettari sostituti d'imposta

Chi opera in regime forfettario e ha dei dipendenti dovrà applicare loro la ritenuta, diventando così sostituto d'imposta. Le imposte da pagare saranno così versate su base mensile per ogni dipendente.

Sanatoria tasse enti locali e bollo auto

Condono per le ingiunzioni di pagamento relative alle imposte locali di Regioni, province, città metropolitane e Comuni. La rottamazione prevede il solo pagamento dell'imposta al netto delle sanzioni.

Incentivi casa

Il decreto crescita abbassa le imposte, estende il bonus sisma e rifinanzia il fondo per incentivare le richieste di mutuo finalizzare a comprare casa o a ristrutturare quella che ha già.

Riduzioni imposte ipo-catastali

Imposta di registro, ipotecaria e catastale di 200 euro ciascuna fino a 2021 per i trasferimenti di interi fabbricati a imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che, li demoliscono e li ricostruiscono.

Bonus sisma

Estensione e modifiche disciplinari al bonus previsto per le opere che rendono più efficienti gli edifici dal punto di vista energetico e sismico.

Nuove risorse al fondo di garanzia mutui prima casa

Nel 2019 sono 100 i milioni di euro destinati al Fondo di garanzia per la prima casa per incentivare chi vuole richiedere un mutuo per l'acquisto o la ristrutturazione della propria abitazione.

Imprese

Bonus fiscale per le imprese che si aggregano, investimenti più attrattivi nelle Zes e arrivo delle SIS per favorire le statup.

Bonus per chi si aggrega

Il decreto reintroduce il "bonus aggregazioni", istituito dall'art. 1 commi 242-249 della L. n. 296/2006 con l'obiettivo si agevolare, ricorrendo alla leva fiscale, l'aggregazione tra imprese.

Investimenti zone economiche speciali

Si vogliono rendere più attrattive per le imprese gli investimenti nelle Zone economiche speciali (ZES).

SIS Società di investimento semplice

Nasce una nuova forma societaria che potrà investire solo in startup non quotate e che beneficerà di vantaggi fiscali particolari sui redditi da capitale.

Lavoro

Incentivi previdenziali per i giovani professionisti e nuove assunzioni nelle regioni e nei comuni.

Aiuti liberi professionisti

Gli Enti che gestiscono la previdenza dei liberi professionisti possono prevedere tutele ulteriori a sostegno del reddito di natura socio assistenziale, per favorire l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro

Piano di assunzioni nelle regioni e nei comuni

Prevista la possibilità per regioni e comuni di assumere personale con contratti a tempo indeterminato coerentemente con i piani triennali di fabbisogno per accelerare gli investimenti pubblici relativi alle opere di mitigazione del rischio idrogeologico, ambientale, manutenzione di strade e scuole ed edilizia sanitaria.

Tutela del made in Italy e marchio storico

A tutela del Made in Italy il provvedimento dispone:

- l'introduzione della definizione del marchio storico di interesse nazionale:"marchi d'impresa registrati da almeno cinquanta anni o per i quali sia possibile dimostrare l'uso continuativo da almeno cinquanta anni, che hanno assunto con l'uso nel mercato un particolare interesse storico nazionale e che sono utilizzati nel commercio per contraddistinguere prodotti o servizi realizzati presso unità produttive localizzate nel territorio nazionale";

- l'istituzione del registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale;

- misure per salvaguardare e aiutare le imprese titolari di marchi storici di interesse nazionale.

Salva Roma

Il decreto interviene sulla gestione commissariale per consentire il rientro del debito pregresso del Comune di Roma. Stralciati dalla norma i commi 2,3,4,5 e 6, che prevedevano, tra l'altro, l'impegno da parte del MEF di gestire le obbligazioni e rinegoziarle per alleggerire così l'ente.


Scarica pdf bozza Decreto crescita
(05/04/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» Incidenti stradali: aumenta il danno biologico
» Il testo del codice di procedura penale aggiornato. Anche in formato PDF
» Online la versione aggiornata del codice penale. Anche in PDF
» Guidare un natante senza patente nautica: ecco tutte le regole

Newsletter f t in Rss