La start up innovativa è una società di capitali alla quale è riservato uno specifico trattamento fiscale, amministrativo, lavoristico e fallimentare
start up innovative

Startup innovativa cos'è

[Torna su]

La definizione di startup innovativa è contenuta nel secondo comma dell'art. 25 del decreto 179/2012, secondo il quale può definirsi start-up innovativa una società di capitali, "costituita anche in forma cooperativa, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione", che possieda determinati requisiti analiticamente indicati dalla stessa norma e che, soprattutto, abbia come "oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico".

Quali sono i requisiti di una startup innovativa

[Torna su]

Innanzitutto, una società, per poter essere considerata una start up innovativa, deve essere una società di capitali costituita non più di sessanta mesi prima della presentazione della domanda e la sede principale dei suoi affari e interessi deve trovarsi nel territorio italiano.

L'oggetto sociale e produzione annua

L'oggetto sociale esclusivo o prevalente deve essere quello dello sviluppo, della produzione e della commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Inoltre, il valore della produzione annua, risultante dall'ultimo bilancio approvato al massimo entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio (e verificabile ovviamente solo dal secondo anno di attività), non deve superare i cinque milioni di euro e non devono distribuirsi o non devono essere stati distribuiti utili.

La startup, poi, non deve essere derivata da una fusione o da una scissione societaria né deve essere stata costituita a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.

I requisiti essenziali

Infine deve ricorrere, come ultimo requisito, almeno uno dei seguenti tre:

- le spese in ricerca e sviluppo sono uguali o superiori al 15% del maggior valore fra costo e valore totale della produzione.

A tal proposito occorre sottolineare che non rientrano tra le spese per ricerca e sviluppo quelle per l'acquisto e la locazione di beni immobili, mentre vi rientrano, in aggiunta rispetto a quanto in generale previsto dai principi contabili, le spese relative allo sviluppo precompetitivo e competitivo, quelle relative ai servizi di incubazione offerti da incubatori certificati, i costi lordi per il personale interno e i consulenti esterni impiegati nelle apposite attività e le spese legali necessarie per la registrazione e la protezione di proprietà intellettuale, termini e licenze.

- almeno un terzo di dipendenti o collaboratori possiede il titolo di dottorato di ricerca o sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un'università italiana o straniera, oppure possiede una laurea e ha svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all'estero, oppure almeno due terzi di dipendenti o collaboratori possiedono una laurea magistrale.

- l'impresa è titolare, depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale o biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale oppure è titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, a condizione che tali privative afferiscano direttamente all'oggetto sociale e all'attività d'impresa.

Come si costituisce una startup innovativa

[Torna su]

Per costituire una startup innovativa,è innanzitutto necessario costituire una società secondo i metodi tradizionali, recandosi dal notaio per quanto di sua competenza.

Le regole per la costituzione e i limiti di capitale sociale sono quelli previsti in generale per la forma societaria prescelta, senza alcuna peculiarità. L'importante è che la società costituita rientri nella famiglia delle società di capitali e non in quella delle società di persone.

Una volta costituita la società, è necessario dichiarare l'inizio di attività e far sì che l'impresa creata risponda a tutti i requisiti individuati nel paragrafo precedente, necessari per poter divenire start up innovativa.

Fatto questo, basta richiedere l'iscrizione nell'apposita sezione del Registro delle imprese, che può perdurare per massimo cinque anni dalla costituzione della società.

Iscrizione nel Registro delle imprese

All'iscrizione nella sezione del Registro delle imprese dedicata alle start up innovative (cumulabile con quella effettuata nella sezione ordinaria) si provvede mediante presentazione della domanda in maniera telematica, con firma digitale, tramite Comunicazione Unica.

Nel modello informatico messo a disposizione dal registro delle imprese vanno indicate tutte le informazioni indispensabili per attestare il possesso dei requisiti necessari affinché la società possa essere identificata come start up innovativa.

Una utile guida interattiva alla costituzione di una startup innovativa è stata messa a punto dalla infocamere ed è pubblicata nel sito del registro imprese.

Attraverso un percorso guidato diventa estremamente semplice verificare se si hanno i requisiti per dare inizio a una startup.

I vantaggi di una startup innovativa

[Torna su]

Alle startup innovative, come in parte accennato, il nostro ordinamento attribuisce una serie di vantaggi di varia natura.

I contratti di lavoro

Innanzitutto, il diritto del lavoro per le startup innovative è parzialmente diverso rispetto a quello tradizionale, specie per quanto riguarda i limiti alla stipula di contratti a tempo determinato, che non devono restare entro il limite massimo del 20% dei contratti di lavoro a tempo indeterminato e che non soggiacciono alle regole generali in materia di proroghe e rinnovi.

I lavoratori, poi, possono essere retribuiti con stock option e i collaboratori esterni possono essere remunerati attraverso i sistemi di cd. work for equity. In entrambi i casi in cambio dell'irrilevanza delle assegnazioni sia da un punto di vista fiscale che da un punto di vista contributivo.

Vai alla guida: "Il diritto del lavoro per le start up innovative"

Accesso al credito

Ulteriori vantaggi si estrinsecano in alcune facilitazioni previste per l'accesso al credito bancario, nella gestione societaria flessibile, nella semplificazione burocratica e nell'applicazione del fail-fast che esonera le startup innovative dal fallimento.

Gli incentivi fiscali

Nell'analizzare i vantaggi di una startup innovativa, non si deve dimenticare, poi, di mettere sotto una particolare luce quelli di carattere fiscale.

Ad esempio, l'avvio dell'impresa è esonerato dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria e dal pagamento del diritto annuale alle Camere di commercio.

Investimenti

[Torna su]

Per incoraggiare gli investitori a finanziare le start up innovative, il nostro ordinamento ha predisposto alcuni specifici incentivi fiscali (da ultimo con il decreto 7 maggio 2019 del Ministero dell'economia e delle finanze).

In particolare, per le persone fisiche che investono in tali società è prevista la detrazione del 30% dell'ammontare investito, per massimo un milione di euro.

Per le società di capitali, invece, si prevede una deduzione del 30% dall'ammontare imponibile ai fini Ires, con soglia massima pari a 1,8 milioni di euro.

Finanziamenti

[Torna su]

Ma oltre che sperare negli investimenti di soggetti terzi, le start up innovative possono trovare sostentamento anche in numerosi finanziamenti europei, nazionali e regionali, messi a disposizione da bandi ad esse dedicati e idonei a combattere l'alto tasso di mortalità delle imprese di nuova costituzione.

Per poter "scovare" il bando adatto alle proprie esigenze, le start up innovative possono cercare sul web nei siti istituzionali a ciò dedicati.

Leggi anche:

- Cos'è il registro delle startup innovative

- I finanziamenti per le startup innovative

- Startup innovativa: non serve il notaio

- Il diritto del lavoro per le startup innovative

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(22/03/2020 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Stalking se il padre assilla la ex con la scusa di vedere il figlio
» Frammenti: le short stories di Studio Cataldi