La scadenza della carta d'identità varia in base all'età del titolare in base a quanto stabilito dal DL n. 112/2008. Cartacea o elettronica può essere rinnovata prima della sua scadenza o dopo e resta valida per altri sei mesi
carta di identità italiana

Carta d'identità: cos'è

[Torna su]
La carta d'identità (artt. 288 e ss. R.D. n. 635/1940) rappresenta uno dei principali documenti amministrativi di riconoscimento personale e di identificazione ai fini di polizia.
Essa viene rilasciata dal Comune (per mezzo dello Stato) e costituisce un titolo valido per la libera circolazione dei cittadini italiani negli Stati membri UE e per l'espatrio in altri Paesi con i quali l'Italia abbia stretto accordi internazionali (salvo che il titolare si trovi in una delle condizioni ostative al rilascio del passaporto previste dall'art. 3 dalla L. n. 1185/1967).

Chi può richiedere la C.I.

La carta d'identità può essere richiesta da tutti i cittadini italiani, minorenni, maggiorenni o residenti all'estero, dai cittadini comunitari residenti in Italia e dai cittadini stranieri extracomunitari residenti in Italia e in possesso di permesso di soggiorno. Diverse sono le regole che operano con riferimento, non solo, al rilascio del documento, ma anche al rinnovo della carta d'identità una volta che il documento è giunto a scadenza.

Carta identità scaduta: come fare

[Torna su]
Per i vecchi documenti, rilasciati nel vigore della precedente normativa che compiano la scadenza quinquennale a far data dal 26 giugno 2008 (prima dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni), è stato possibile convalidare il documento originario con l'apposizione di un timbro a vista, senza necessità di inoltrare apposita domanda, riportante la postilla "validità prorogata ai sensi dell'art. 31 del D.L. 25/6/2008 n. 112 fino al...".

Il rinnovo della carta d'identità ha subito modifiche dopo l'intervento del D.L. n. 112/2008 che ha cambiato le regole su periodo di validità dei documenti di riconoscimento e sulla loro scadenza.

In linea generale, la carta d'identità per i maggiorenni cittadini italiani scade dopo 10 anni dal rilascio (3 o 5 anni per i i minorenni).

E' quindi dal 2008 che le carte di identità per i maggiorenni hanno una durata di 10 anni.

Scadenza carta d'identità compleanno

I termini suddetti però non sono rigidi, la scadenza, rispetto alla data riportata sul documento, viene prorogata fino al giorno e mese di nascita del titolare, ossia fino al giorno del suo compleanno.

Quanto vale ancora la carta di identità scaduta?

La carta di identità una volta giunta a scadenza resta in realtà valida ancora per i 6 mesi successivi alla scadenza. In questo periodo è possibile chiedere il rinnovo del documento, se però questo lasso di tempo viene fatto passato senza procedere al rinnovo, la richiesta vale come rilascio ex novo del documento.

Che succede se la carta di identità è scaduta?

La carta d'identità una volta scaduta, come vedremo, conserva ancora per un certo periodo la sua validità. In questo periodo, ma anche prima che il documento giunga a scadenza, è possibile procedere al rinnovo del documento o alla richiesta del rilascio ex novo.
Poichè si tratta di un documento di identificazione è importante avere con sè un documento in corso di validità perchè, soprattutto all'estero, si potrebbero avere problemi, anche se c'è la possibilità di supplire con un documento identificativo equipollente.

Quando è possibile rinnovare la carta d'identità?

Non è necessario però attendere la scadenza della propria carta d'identità per chiederne il rinnovo o la proroga. Infatti, questa operazione può essere effettuata anche prima della scadenza, in particolare a partire da 180 giorni prima.

Scadenza carta d'identità proroga Covid

Durante la pandemia da COVID-19 diverse norme hanno provveduto a prorogare la validità dei documenti d'identità e di riconoscimento. Il D.L. n. 56 del 30 aprile 2021 ha ulteriormente prorogato la validità dei documenti d'identità scaduti fino al 30 settembre 2021, ma ciò solo ai fini dell'identificazione personale e dunque non per l'espatrio.

Carta d'identità cartacea

La carta d'identità cartacea, dopo l'arrivo di quella elettronica, non è stata del tutto abbandonata. Lo ha chiarito il Ministero dell'Interno nella circolare n. 4/2017 (sotto allegata) in cui ha anche precisato che è possibile ancora richiedere il documento di identità in questo formato nei casi, debitamente documentati, in cui si presenta la necessità e l'urgenza di rinnovare la carta d'identità scaduta per i seguenti motivi:
  • salute;
  • viaggio;
  • consultazioni elettorali;
  • partecipazione a concorsi e gare.
La carta d'identità inoltre può essere rilasciata ancora in forma cartacea anche ai residenti iscritti all'AIRE e nel caso in cui gli uffici accertino la presenza di problemi tecnici nella trasmissione dei dati al Ministero.
Detto questo, anche se in via di estinzione cosa si deve fare se scade la carta d'identità cartacea? Vediamolo insieme.

Scadenza carta d'identità cartacea

Le "vecchie" carte di identità in formato cartaceo, rilasciate fino all'emissione della nuova C.I.E. mantengono validità fino alla scadenza e possono essere sostituite o rinnovate solo in ipotesi residuali. Nel momento in cui infatti nei Comuni diventano operative le postazioni di lavoro per la C.I.E.,infatti, il singolo Comune (o la singola Municipalità) è tenuto a rilasciare la nuova carta di identità elettronica.
Il rilascio della carta di identità cartacea è dunque in fase di progressivo abbandono, salvo che per i casi di reale e documentata urgenza visti sopra e specificati nella circolare n. 4/2017 del Ministero dell'interno.
Per il rinnovo della carta di identità cartacea dovranno essere presentati, di norma, i medesimi documenti necessari per il rilascio, a cui deve accompagnarsi la carta d'identità scaduta da meno di sei mesi o in scadenza (non prima di 180 giorni) che viene restituita non essendo più idonea all'identificazione della persona.

Rinnovo carta d'identità maggiorenni e minorenni

Per quanto riguarda il rinnovo della carta d'identità ai cittadini italiani maggiorenni, questi devono presentare:
  • 3 proprie fototessere recenti, uguali, in cui il volto è ben visibile e non si indossano copricapi (per la qualità delle foto cfr. circolare Ministero dell'Interno n. 400/A/2005/1501/P/23.13.27 del 5 dicembre 2005);
  • un modulo (a disposizione presso lo sportello o scaricabile dal sito web del comune) compilato con i propri dati anagrafici;
  • la precedente carta di identità scaduta o deteriorata oppure, in mancanza di questa, un valido documento di riconoscimento o la presenza di 2 testimoni maggiorenni che dichiarino di conoscere personalmente l'interessato.

Scadenza e rinnovo della carta d'identità cartacea minorenni

Per i minorenni è necessaria la presenza del minore accompagnato da entrambi i genitori, muniti di valido documento di riconoscimento. Questi devono attestare le generalità del minore e rilasciare le dichiarazioni previste per i documenti validi per l'espatrio. Se il minore non ha l'autorizzazione dei genitori, per il rilascio del documento è necessaria quella del giudice tutelare.

Rinnovo carta d'identità cartacea cittadini italiani residenti all'estero

La carta d'identità può essere rilasciata ai cittadini italiani regolarmente residenti nella propria circoscrizione consolare all'estero, registrati nello schedario consolare e i cui dati anagrafici siano presenti nella banca dati dell'A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero).

Il documento ha la stessa funzione e validità del documento cartaceo rilasciato ai cittadini italiani residenti in Italia e può essere richiesto all'ufficio anagrafico competente del Comune di iscrizione A.I.R.E. e, dal 1° giugno 2007, rilasciato anche direttamente dagli Uffici Consolari italiani all'estero.

L'interessato deve all'uopo presentare le tre fototessere, frontali, recenti e senza copricapo, nonché il passaporto o la precedente carta d'identità.

Carta d'identità elettronica (CIE)

Nella maggior parte dei Comuni italiani viene ormai rilasciata la Carta d'identità elettronica (CIE) che ha gradualmente sostituito il documento cartaceo. Chi ha ancora a disposizione il vecchio documento se lo vedrà probabilmente sostituire, alla prossima scadenza, con lo standard più avanzato, poiché solo nei casi eccezionali visti sopra, viene ancora consentito il rilascio su supporto cartaceo.

Carta identità elettronica: com'è fatta

La C.I.E. è l'evoluzione della carta di identità in versione cartacea. Ha le dimensioni di un bancomat ed è costituita da:
  • un supporto di materiale plastico in policarbonato, su cui sono stampati a laser la foto e i dati del cittadino, protetti con elementi e tecniche di anticontraffazione, come ologrammi e inchiostri speciali;
  • un microchip contactless che contiene i dati personali, la foto e le impronte del titolare, protetti da meccanismi che ne prevengono la contraffazione e la lettura impropria;
  • le informazioni per consentire l'autenticazione in rete da parte del cittadino a servizi erogati in rete da pubbliche amministrazioni e imprese;
  • ulteriori dati per la fruizione di servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

Scadenza e rinnovo della carta d'identità elettronica

La carta d'identità cartacea (C.I.C.) è stata quasi integralmente sostituita su tutto il territorio nazionale dalla carta d'identità in formato elettronico (C.I.E.) a seguito dell'introduzione in forma generalizzata di tale tipologia di documento ai sensi del D.L. n. 78/2015.

Si tratta di un documento obbligatorio di identificazione emesso dal Ministero dell'Interno, attraverso l'integrazione delle più avanzate tecnologie disponibili coniuga in un unico strumento elementi di sicurezza fisici e digitali che assicurano il massimo livello di garanzia e accuratezza nei processi di accertamento dell'identità delle persone.

CIE: quando scade

Le carte d'identità cartacee o elettroniche già in possesso dei cittadini, continueranno ad avere validità sino alla loro naturale scadenza. Per quanto riguarda la durata della C.I.E., invece, questa sarà pari a:
  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.
La Carta di identità elettronica può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora per i cittadini residenti in Italia e presso il Consolato di riferimento per i cittadini residenti all'Estero.

Rinnovo carta identità elettronica: cosa serve

Per il rinnovo della carta d'identità elettronica la procedura e i documenti da presentare sono gli stessi della procedura di rilascio:
In particolare, il cittadino deve recarsi in Comune munito di fototessera, in formato cartaceo o elettronico, su un supporto USB. La fototessera deve essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto.

E' obbligatorio fissare un appuntamento, in funzione alle disponibilità del proprio Comune, utilizzando il portale apposito a questo sito predisposto dal Ministero dell'Interno per tutti i Comuni. La prenotazione può avvenire a partire dai 180 giorni che precedono la scadenza del vecchio documento o entro i sei mesi successivi alla scadenza. Inserito l'appuntamento, il sistema rilascia una ricevuta e ogni cittadino può inserire fino a un massimo di 5 appuntamenti per se stesso e per suoi familiari. L'appuntamento viene concordato nella sede anagrafica preferita.

Carta identità elettronica: quanto costa il rinnovo

Il costo della C.I.E. è pari a euro 16,79 (oltre i diritti fissi e di segreteria, ove previsti) e comprende anche le spese di spedizione: il rilascio e la consegna, infatti, non avvengono immediatamente e la Carta viene spedita tramite raccomandata, entro sei giorni lavorativi dall'emissione.

In fase di presentazione della richiesta al Comune ogni cittadino può scegliere una tra le seguenti modalità di consegna del documento (il corrispettivo versato dal Cittadino per il rilascio resta invariato):
  • presso l'indirizzo di residenza;
  • presso un indirizzo di sua preferenza;
  • al Comune.

Carta d'identità Spid

Lo Spid è il Sistema Pubblico di Identità Digitale che consente, a chi ne è il possesso, di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione dei soggetti privato che hanno aderito al sistema, che richiede, per la sua attivazione, un documento d'identità in corso di validità.
Ne consegue che se la carta d'identità con cui si attiva lo Spid giunge a scadenza è necessario contattare il proprio gestore per procedere all'aggiornamento dei dati e avere assistenza.
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: