Bonus mamma

Cos'è il bonus mamma, a chi spetta e come si presenta domanda. Guida pratica al premio alla nascita di 800 euro
Modella che rappresenta il percorso di una gravidanza

di Marina Crisafi - Parte da oggi la possibilità di fare domanda per il tanto atteso bonus mamma di 800 euro. L'Inps ha reso noto che da stamani è online il servizio per poter richiedere il premio. La pagina è disponibile sul sito all'apposita sezione "Premio alla Nascita".

  1. Cos'è il bonus mamma
  2. A chi è rivolto il premio alla nascita
  3. Come e quando fare domanda
  4. Come si ottiene il bonus di 800 euro

Cos'è il bonus mamma

Si ricorda che il bonus mamma, istituito dall'ultima legge di bilancio, è un premio di 800 euro per la nascita, l'adozione o l'affido di un minore che viene corrisposto dall'Inps a partire dal 1° gennaio 2017, su istanza della futura madre (al compimento del 7°mese di gravidanza ossia inizio dell'ottavo), ovvero, alla nascita del figlio, al momento dell'adozione o dell'affido.

Il premio prescinde da requisiti reddituali, non concorre perciò alla formazione del reddito complessivo ex art. 8 del t.u. delle imposte sui redditi.

A chi è rivolto il premio alla nascita

Il beneficio è rivolto alle future mamme o alle madri per uno dei seguenti eventi verificatisi a partire dall'1 gennaio 2017:

- compimento del settimo mese di gravidanza;

- parto;

- adozione nazionale o internazionale del minore;

- affidamento preadottivo nazionale o internazionale.

Il bonus è concesso in un'unica soluzione per ogni evento (gravidanza, parto, adozione o affidamento) e per ogni figlio nato, adottato o affidato.

Oltre a ciò, tra i requisiti richiesti occorre che le interessate possiedano la residenza in Italia e la cittadinanza italiana o comunitarie. Il bonus spetta anche alle cittadine extracomunitarie, "in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria" e di permesso di soggiorno Ue per lunghi periodi ovvero di carta di soggiorno per familiari di cittadini Ue.

Come e quando fare domanda

La domanda, per chi è in possesso dei requisiti, può essere presentata a partire da oggi e improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell'evento (ossia compimento del 7° mese di gravidanza, nascita, adozione o affidamento).

Per i soli eventi verificatisi dal 1° gennaio al 4 maggio 2017, considerato che il rilascio della procedura telematizzata di acquisizione delle domande è partita solo in data odierna, il termine annuale decorre da oggi stesso.

La domanda va presentata online all'Inps, sul sito dell'ente attraverso il servizio dedicato (per chi è in possesso di Pin); tramite il Contact center (al numero 803 164 gratuito da rete fissa oppure 06 164 164 da rete mobile); tramite enti di patronato e intermediari attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Per chi invia online la domanda tramite il sito Inps, sarà possibile scaricare anche il manuale utente, nonché, una volta inviata l'istanza, consultare le domande già trasmesse.

Alla domanda vanno allegati i documenti comprovanti i requisiti per accedere al bonus (ossia certificato rilasciato dal SSN attestante la data presunta del parto; autocertificazione parto; provvedimento adozione/affido; permesso di soggiorno se cittadina extracomunitaria; ecc.).

Leggi: "Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro"

Come si ottiene il bonus di 800 euro

L'importo del bonus è pari ad 800 euro e le modalità di pagamento previste, una volta che l'Inps abbia esaminato le domande e verificata la presenza dei requisiti richiesti sono:

- bonifico domiciliato presso ufficio postale;

- accredito su conto corrente bancario/postale;

- libretto postale;

- carta prepagata con IBAN.

Per tutti i pagamenti, fatta eccezione per il bonifico domiciliato presso ufficio postale, occorrerà comunicare il codice Iban.

(04/05/2017 - Marina Crisafi)

In evidenza oggi:
» Mendicante insistente? Multa e carcere fino a 6 mesi
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Responsabilit medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Ddl concretezza: tutte le misure approvate
Newsletter f g+ t in Rss