Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente indennizzo alla dipendente che scivola su una matita

Se la dipendente pubblica, in ufficio, scivola su una matita e riporta gravi lesioni permanenti, lo Stato – datore di lavoro – non è tenuto a risarcire il danno
danno biologico frattura infortunio

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 22280 del 21 Ottobre 2014. 

Se la dipendente pubblica, in ufficio, scivola su una matita e riporta gravi lesioni permanenti, l'infortunio non è indennizzabile ai sensi del Dpr 1124/1965 (testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali).

Secondo i giudici del merito, infatti il rischio del lavoratore "non era diverso da quello che incombe su ogni altro soggetto che si sposti a piedi per ragioni non di ufficio".

Nel caso di specie il rischio "connesso agli spostamenti spaziali, che incombe su chiunque si muova da un luogo all'altro" non era reso "maggiore dall'attività lavorativa svolta dall'infortunata”.

In altro giudizio la danneggiata, nel ricorrere avverso lo Stato italiano, aveva lamentato mancato adeguamento del nostro ordinamento alla Direttiva CEE 89/391 del 12 Giugno 1989 circa l'utilizzo, sui luoghi di lavoro, di misure idonee a promuovere sicurezza e salute dei lavoratori durante l'orario d'ufficio. 

In realtà già prima dell'emanazione della direttiva nel nostro ordinamento vigeva un principio simile, contenuto nell'art. 2087 codice civile, secondo il quale “il datore di lavoro deve adottare le misure che, secondo le particolarità del lavoro, secondo le particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. Il ricorso è rigettato.


Vai al testo della sentenza 22280/2014
(04/11/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF