Fisco: Agenzia delle entrate pubblica circolare sulla disciplina fiscale del Trust

agenziaentrate id8765.png
L'agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare per fornire ulteriori chiarimenti sul regime fiscale del Trust ossia di quel negozio giuridico introdotto nell'ordinamento italiano con la legge finanziaria 2007. L'Agenzia aveva già fornito indicazioni con la circolare n. 48/E del 6 agosto 2007 e torna ora ad affrontare il tema con la nuova Circolare n.61/E. Come ricorda l'Agenzia "il trust si sostanzia in un negozio giuridico fondato sul rapporto di fiducia tra disponente (settlor) e gestore (trustee). Il disponente trasferisce alcuni beni di sua proprietà al trust e designa un gestore che li amministra nell'interesse dei beneficiari, individuati in sede di costituzione del trust o in un momento successivo, o per uno scopo prestabilito. L'effetto principale dell'istituzione di un trust è la segregazione patrimoniale in virtù della quale i beni in trust costituiscono un patrimonio separato e autonomo rispetto al patrimonio del disponente, del trustee e dei beneficiari, con la conseguenza che tali beni non potranno essere escussi dai creditori di tali soggetti". Nella circolare si tratta anche dei Trust esteri e dei beneficiari residenti (con porticolare riferimento alle modalità con cui viene assicurato che il trust estero sia assoggettato a tassazione analogamente ai trust italiani).
Vai al testo della Circolare 61/e del 27 dicembre 2010
(28/12/2010 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Divorzio: per i figli vale sempre il tenore di vita
» Cassazione: saluto fascista non è reato se commemorativo
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Il valore probatorio del Cid
» Bollette più care per colpa di chi non paga: è giusto?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss