Il decreto n. 50/2022 all'art. 3 contempla l'indennità una tantum da 200 euro per autonomi e liberi professionisti. nel DM del 19 agosto 2022 e nella circolare Inps n. 103/2022 le regole di dettaglio per fare domanda

Al via le domande per il bonus una tantum da 200 euro

[Torna su]

Dalle ore 12.00 del 26 settembre 2022 fino alle ore 12.00 del 22 novembre 2022 i liberi professionisti possono presentare domanda per il bonus una tantum da 200 euro previsto dal decreto 50/2022.

Possono fare domanda tutti i professionisti iscritti agli enti di previdenza dell'Adepp, che è l'associazione che raggruppa tutte le casse di previdenza dei liberi professionisti e quelli iscritti alle gestioni previdenziali Ines.

I beneficiari della misura

[Torna su]

Ricordiamo che il bonus da 200 euro una tantum è riconosciuto dall'art. 33 del decreto legge n. 50/2022 in favore di autonomi e liberi professionisti come misura finalizzata a sostenere il potere di acquisto di queste categorie in conseguenza delle crisi energetica e il caro prezzi che ha colpito il paese dopo la guerra in Ucraina.

Ne beneficiano però solo coloro che nel periodo di imposta 2021 abbiano conseguito un reddito non superiore ai 35.000 euro e che hanno effettuato, entro la data di entrata in vigore del decreto n. 50/2022 (18 maggio 2022), almeno un versamento totale o parziale dei contributi dovuti alla gestione previdenziale alla quale si chiede l'indennità.

Quando e come presentare domanda

[Torna su]

Le modalità per la presentazione delle domande sono definite dal decreto ministeriale del 19 agosto 2022 pubblicato sulla Gu del 14 settembre 2022 (sotto allegato).

L'art. 3 stabilisce che la domanda deve essere presentata all'ente di previdenza a cui si è iscritti nelle modalità in base allo schema predisposto dal singolo ente.

La domanda deve essere corredata da una dichiarazione dell'interessato in cui lo stesso deve dichiarare:

  • di essere libero professionista o autonomo non titolare di pensione;
  • di aver conseguito nel 2021 un reddito non superiore ai 35.000 euro,
  • di essere iscritto a una gestione Inps o a una cassa di previdenza professionale,
  • di non aver già percepito l'indennità una tantum ad altro titolo;
  • di non aver presentato domanda ad altro ente di previdenza.

Alla domanda vanno allegati: la copia fotostatica del documento di identità in corso di validità, il codice fiscale e l'indicazione delle coordinate bancarie sulle quali ricevere l'accreditamento.

Circolare Inps con requisiti e istruzioni per domanda bonus 200 euro

Intanto, nella giornata di lunedì 26 settembre 2022, arriva la circolare Inps n. 103 che contiene tutte le istruzioni di dettaglio della misura, compresi i beneficiari e i requisiti necessari per fare domanda, con un paragrafo dedicato alla indennità di 35o euro, spettante a coloro che nel 2021 hanno conseguito un reddito non superiore ai 20.000 euro.

Domande avvocati a Cassa Forense

[Torna su]

Gli avvocati, per fare domanda dell'indennità una tantum devono collegarsi al link di Cassa forense, che consente di accedere alla propria posizione personale indicando il codice meccanografico e il Pin personale.

Erogazione ed eventuale recupero

[Torna su]

Il bonus verrà erogato in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande accolte.

Una volta inoltrate le domande l'ente erogatore effettuerà infatti dei controlli di ammissibilità delle domande e in assenza dei requisiti richiesi dalla legge, provvederà in seguito al recupero delle somme versate non spettanti.

Bonus di 150 euro per redditi fino a 20.000 euro

[Torna su]

Il decreto aiuti ter n. 144/2022 pubblicato sulla GU de 23 settembre 2022 prevede un ulteriore bonus di 150 euro per autonomi e professionisti, riservato però solo a coloro che nel 2021 hanno conseguito un reddito non superiore ai 20.000 euro.

Scarica pdf DM del 19 agosto 2022
Scarica pdf circolare Inps n. 103/2022

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: