Chiusura partita Iva

Condividi
Seguici

Tutti gli adempimenti da compiere e le tempistiche da rispettare per chiudere la partita Iva e le ipotesi in cui la chiusura avviene d'ufficio
donna che mette cartello negozio chiuso

di Valeria Zeppilli - Chi intende chiudere la propria partita Iva deve compiere alcuni adempimenti per formalizzare tale decisione.

Vediamo tutto quello che c'è da sapere:

  1. Comunicazione di chiusura all'Agenzia delle entrate
  2. Chiusura partita Iva: tempistiche
  3. Come compilare il modulo di chiusura partita Iva
  4. Chiusura partita Iva: come trasmettere la comunicazione
  5. Chiusura partita Iva d'ufficio

Comunicazione di chiusura all'Agenzia delle entrate

Innanzitutto, la chiusura della partita Iva deve essere formalizzata inviando un'apposita comunicazione all'Agenzia delle entrate.

A tal fine, si deve utilizzare e compilare il modello AA9/12 o il modello AA7/10, a seconda che il richiedente sia o meno una persona fisica. In particolare, il modello AA9/12 è riservato alle imprese individuali e ai lavoratori autonomi e liberi professionisti, mentre il modello AA7/10 alle società e agli enti.

Chiusura partita Iva: tempistiche

Inoltre, è importante rispettare i tempi previsti per l'invio della comunicazione, che sono di 30 giorni dalla cessazione effettiva dell'attività per la quale si utilizzava la partita Iva.

Oggi, tuttavia, non sono più previste sanzioni per chi non provvede tempestivamente.

Come compilare il modulo di chiusura partita Iva

Il modulo per la chiusura della partita Iva può essere compilato in maniera abbastanza semplice.

In sostanza, si tratta di barrare la casella 3 del quadro A, inserendo il numero di partita Iva e la data in cui la propria attività si è conclusa.

In ogni caso, l'Agenzia delle entrate ha predisposto delle istruzioni dettagliate, che andranno seguite scrupolosamente per evitare di commettere errori.

Chiusura partita Iva: come trasmettere la comunicazione

La trasmissione del modulo all'Agenzia delle entrate può essere fatta con diverse modalità.

I contribuenti obbligati all'iscrizione nel Registro delle imprese devono provvedere con Comunicazione Unica per via telematica o su supporto informatico.

I contribuenti non obbligati all'iscrizione nel Registro delle imprese, invece, devono presentare il modello in duplice esemplare presso un qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle entrate o in unico esemplare, corredato di un proprio documento di identità, a mezzo raccomandata indirizzata a un qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle entrate o, infine, per via telematica, anche tramite un soggetto incaricato di tali trasmissioni.

Chiusura partita Iva d'ufficio

In alcuni casi, la partita Iva è chiusa d'ufficio dall'Agenzia delle entrate.

In particolare, si tratta delle ipotesi di partite Iva inattive, ovverosia che non risultano operative da tre anni.

La chiusura d'ufficio è comunque preceduta da una comunicazione preventiva dell'Agenzia delle entrate al soggetto interessato.


Vai alla guida Partita Iva: cos'è e come aprirla

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(23/05/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» Incidenti stradali: aumenta il danno biologico
» Il testo del codice di procedura penale aggiornato. Anche in formato PDF
» Online la versione aggiornata del codice penale. Anche in PDF
» Guidare un natante senza patente nautica: ecco tutte le regole

Newsletter f t in Rss