Sei in: Home » Articoli

Prima casa: mutuo sospeso fino a 18 mesi per chi non può pagare

Nuovamente attivo il Fondo di solidarietà con quasi 36mila domande di sospensione accettate sinora dal MEF
Modello di casa fatto con euro
di Lucia Izzo - Sono 35.754 le istanze che sospendono le rate sui mutui, fino a massimo 18 mesi per la prima casa, accettate dal fondo di solidarietà a fronte delle 48.255 richieste di moratoria sui pagamenti. Un onere che si aggira intorno ai 50 milioni di euro come si può rilevare dalla tabelle che il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha diffuso in occasione del seminario "Fare casa" organizzato in collaborazione con l'Abi. 
Il Fondo è tornato operativo a partire dal 27 aprile scorso e ha consentito nuovamente agli aventi diritto di poter sospendere il pagamento dell'intera rata del mutuo per l'acquisto dell'abitazione principale. 

Analizzando il dato regionale, il maggior numero di domande è pervenuto dalla Lombardia, seguita da Lazio, Sicilia e Piemonte, con una netta prevalenza dell'ipotesi di ammissibilità per l'accesso legata alla perdita del posto di lavoro.

Cos'è il Fondo di solidarietà?


Il Fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa è stato istituito, presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con la Legge n. 244 del 24/12/2007, e poi modificato con la legge n. 92/2012, prevedendo la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà, destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.
Il Fondo è stato istituito per aiutare tutti coloro che sono titolari di un contratto di mutuo ipotecario e che non riescono più a pagare le relative rate a causa di sopravvenuti eventi gravi e imprevedibili, quali ad esempio la perdita del posto di lavoro.

La sospensione non può essere richiesta invece per i mutui che abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche: ritardo nei pagamenti superiore a novanta giorni consecutivi al momento della presentazione della domanda da parte del mutuatario, ovvero per i quali sia intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso, anche tramite notifica dell'atto di precetto, o sia stata avviata da terzi una procedura esecutiva sull'immobile ipotecato; fruizione di agevolazioni pubbliche;
un'assicurazione a copertura del rischio che si verifichino gli eventi di cui sopra, purché tale assicurazione garantisca il rimborso almeno degli importi delle rate oggetto della sospensione e sia efficace nel periodo di sospensione stesso.

A chi è rivolto?


Può presentare domanda il proprietario di un immobile adibito ad abitazione principale, titolare di un mutuo contratto per l'acquisto dello stesso immobile non superiore a 250.000 euro e in possesso di indicatore ISEE non superiore a 30.000 euro.

Al momento della presentazione della domanda, il titolare del contratto di mutuo si deve trovare in ritardo nel pagamento delle relative rate, il ritardo non deve essere superiore a 90 giorni consecutivi.

La sospensione del pagamento della rata di mutuo è subordinata al verificarsi di almeno uno dei seguenti eventi, relativi alla sola persona del mutuatario, intervenuti successivamente alla stipula del contratto di mutuo e accaduti nei 3 anni antecedenti alla richiesta di ammissione al beneficio: cessazione del rapporto di lavoro subordinato (eccetto ipotesi di risoluzione consensuale, per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione); cessazione dei rapporti di lavoro di cui all'art. 409, numero 3), del codice di procedura civile (eccetto ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione);  morte o riconoscimento di handicap grave, ai sensi dell'art. 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero di invalidità civile non inferiore all'80 per cento.

Come fare richiesta?


Chi ha i requisiti per la sospensione del mutuo deve rivolgersi direttamente alla Banca con cui ha contratto il mutuo.
Per il Fondo di solidarietà il MEF ha previsto un apposito modulo di domanda che andrà presentato in banca e che sarà reso disponibile sul sito del MEF (www.mef.gov.it) e della CONSAP (www.consap.it), la società del MEF gestore del Fondo.
(09/06/2016 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Processo civile: nullo il giudizio se l'atto introduttivo è notificato in maniera incompleta
» Diritto all'immagine: scatta il risarcimento per la foto pubblicata senza consenso
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» Eredità: la ripartizione dei debiti tra gli eredi
» CTU: la consulenza tecnica d'ufficio nel processo civile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss