Sei in: Home » Articoli

Consulta: Lavoratrice che vuole proseguire lavoro dopo i 60 non è obbligata a darne tempestiva comunicazione al datore

La Corte Costituzionale (sent. 29 ottobre 2009, n. 275) ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 30 del codice delle pari opportunità tra uomo e donna ( Dlgs 11 aprile 2006, n. 198) nella parte in cui prevede, a carico della lavoratrice che intende proseguire nel rapporto oltre il sessantesimo anno di età, l'onere di dare al datore di lavoro comunicazione almeno 3 mesi prima della data di perfezionamento del diritto alla pensione di vecchiaia, e nella parte in cui fa dipendere da tale adempimento l'applicazione al rapporto di lavoro della tutela accordata dalla legge sui licenziamenti individuali. Infatti tale onere di comunicazione a carico della sola lavoratrice, dal cui corretto adempimento è condizionato il diritto della donna di lavorare fino al compimento della stessa età prevista per il lavoratore, compromette ed indebolisce la piena ed effettiva realizzazione del principio di parità tra uomo e donna, in violazione degli artt. 3 e 37 della Costituzione.
Tale onere non può nemmeno trovare valida giustificazione nelle presunte esigenze organizzative del datore di lavoro dal momento che quest'ultimo dovrà considerare normale la presenza in servizio della donna oltre l'età pensionabile e come meramente eventuale la scelta del pensionamento anticipato, nella prospettiva, auspicata dalla stessa Corte Costituzionale, della tendenziale uniformazione del lavoro femminile a quello maschile.
(16/11/2009 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Notifica cartella via pec: illegittima senza firma digitale
» Revisione auto: al via le nuove regole
» Quali sono i beni che non si possono pignorare?
» Le misure cautelari
» Gdpr: al via la procedura online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss