Sei in: Home » Articoli

Cassazione: marito violento? Via dai luoghi frequentati dalla moglie

Che sia separato o no, poco importa. Se il marito Ŕ manesco va tenuto lontano da tutti i luoghi abitualmente frequentati dalla moglie: casa coniugale, bar, supermercato e via diecendo. E' necessario infatti evitare ogni possibile occasione di incontro. E' questo il concetto ribadito dalla Corte di Cassazione (Sentenza n.28958/2008) che ha confermato l'ordine di allontanamento dalla casa familiare di un uomo, indagato per maltrattamenti in famiglia, che pur essendo andato ad abitare in un altro appartamento, viveva per˛ nello stesso palazzo della moglie. L'uomo, ogni volta che incontrava la consorte le metteva le mani addosso. Da qui il provvedimento del Tribunale della Liberta' convalidato ora dalla Cassazione. Nella parte modiva della sentenza la Corte scrive che e' legittimo "non solo l'allontanamento dal convivente dalla casa familiare, ma anche la prescrizione di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa" e questo per le inevitabili possibilita' di incontro tra le parti che non impedirebbero la reiterazione del reato. L'uomo, ricorrendo in Cassazione aveva sostento che l'allontanamento dalla casa familiare poteva essere applicato solo in ipotesi "di reale ed effettiva convivenza, e non pure in ipotesi in cui il soggetto del reato dimori in casa autonomamente e in via esclusiva". La Cassazione ha respinto il ricorso chiarendo che "l'allontanamento dalla casa familiare non presuppone necessariamente la convivenza tra le parti, ma e' applicabile anche quando l'indagato abbia gia' abbandonato il domicilio domestico per intervenuta separazione coniugale".
Altre informazioni su questa sentenza
(21/07/2008 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Multe: sono nulle quelle fatte dal tutor usato come autovelox
» ResponsabilitÓ medica: la colpa lieve resta
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Separazione e divorzio: l'Istat modifica le schede dei tribunali


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss