Quando la polizia effettua l'accertamento della violazione dei limiti di velocità con l'autovelox, l'accertamento è indiretto per cui la prova fotografica da cui risulta la violazione è prova insostituibile della trasgressione
autovelox che punta su strada trafficata

Multa autovelox da annullare senza le fotografie

[Torna su]

Il Giudice di Pace di Latina con la sentenza del 13 aprile 2022 (sotto allegata) dispone l'annullamento dei verbali impugnati da un automobilista a cui è stata elevata la multa per violazione dei limiti di velocità accertati mediante l'autovelox. La PA non ha prodotto, tra l'altro, il materiale fotografico che documenta l'infrazione, che la Cassazione ha definito "prova insostituibile" visto che in questo caso l'accertamento sull'eccesso della velocità compiuto dai pubblici ufficiali è indiretto.

Ricorso verbale multa autovelox

[Torna su]

Un automobilista, rappresentato e difeso dalla Globoconsumatori, ricorre contro il verbale di contravvenzione che gli è stato erogato per la violazione dell'art. 142 comma 7 del Codice della Strada per violazione dei limiti di velocità.

L'istante lamenta la carenza di documentazione agli atti attestante la mancata documentazione dell'Ente accertatore. Lo stesso rileva inoltre la illegittimità degli atti in relazione alla omologazione del modello, all'approvazione del modello utilizzato, alla taratura, alla funzionalità e all'assenza di una prova fotografica della violazione contestata.

Le fotografie sono prova insostituibile se c'è l'autovelox

[Torna su]

Il Giudice di Pace di Latina accoglie il ricorso perché lo ritiene fondato.

In effetti, come rilevato dal ricorrente, la Pa non ha provato il fondamento della sua pretesa sanzionatoria. La stesso non ha provveduto infatti al deposito delle fotografie da cui risulta la lamentata violazione e i documenti dai quali risulta la collocazione della postazione di rilevamento della velocità disposta dalla Polizia Locale del Comune territorialmente competente.

Il Gdp ricorda che la Cassazione, anche nella decisione n. 16713/2003 ha stabilito che: "stante la mancata allegazione, l'accertamento sull'eccesso di velocità compiuto dai pubblici ufficiali, nel caso di specie è indiretto, in quanto effettuato mediante immagini registrate, ne deriva che la documentazione fotografica è una prova insostituibile della correttezza dell'accertamento."

La carenza di prova documentale non dimostra la certezza dei rapporti giuridici e neppure la correttezza dell'accertamento.

Il ricorso viene quindi accolto e i verbali impugnati vengono annullati.

Leggi anche Autovelox: il verbale senza foto non vale neanche come presunzione semplice

Si ringrazia la Globoconsumatori per l'invio del provvedimento

Scarica pdf GdP Latina 13.04.2022
Vedi anche:
- Autovelox: difendersi dalle contravvenzioni illegittime
- Autovelox - raccolta di articoli e sentenze
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: