Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime

Tutto quello che bisogna sapere per valutare la legittimità delle multe ricevute a seguito di un accertamento con autovelox
un autovelox su strada

di Valeria Zeppilli - Con il nome "Autovelox" si fa riferimento a una categoria di strumenti per misurare la velocità dei veicoli su strada. Non sempre le contravvenzioni che derivano da un accertamento tramite autovelox sono però legittime.

In questa è possibile avere cognizione delle regole di base e accedere a un ampia raccolta di articoli e sentenze pubblicate in questo sito

Autovelox: l'obbligo di revisione periodica secondo la Consulta

Recentemente, una vera e propria svolta in materia è stata compiuta dalla tanto attesa sentenza n. 113/2015 della Corte costituzionale, con la quale si è stabilito che gli apparecchi di rilevazione della velocità sulle strade devono essere necessariamente revisionati periodicamente, altrimenti sono irregolari e le multe che derivano da un loro rilevamento illegittime.

In sostanza è stato dichiarato non in linea con i precetti costituzionali l'articolo 45 comma 6 del Codice della Strada.

Con la conseguenza che tutte le multe comminate attraverso autovelox non revisionati e non ancora pagate, a seguito della pronuncia della Consulta potranno essere annullate.

Ma con una precisazione: per legge la necessità di revisione riguardava gli autovelox fissi e non quelli utilizzati dalle pattuglie nelle postazioni di controllo mobili.

Per questi ultimi, infatti, spesso la corretta funzionalità dell'apparecchio era accertata dall'operatore prima dell'inizio dell'attività di controllo e attestata in un apposito verbale. A seguito della sentenza della Consulta è, quindi, più impellente la necessità di correre ai ripari.

I requisiti di legittimità degli autovelox

Anche a prescindere da quanto stabilito dalla Corte costituzionale, e quindi anche in caso di apparecchi revisionati, è tuttavia necessario che l'autovelox risponda a certi requisiti onde poter legittimamente giustificare l'irrogazione di sanzioni.

- L'omologazione

Innanzitutto il modello utilizzato deve essere omologato dal ministero dei trasporti e i suoi estremi devono essere riportati nel verbale di contestazione.

- Segnalazione adeguata

Essi, inoltre, devono essere segnalati adeguatamente attraverso cartelli stradali e dispositivi luminosi che ne preannuncino la presenza. Secondo quanto ribadito più volte dalla Corte di cassazione, ad esempio con l'ordinanza n. 5997 del 14 marzo 2014, in difetto di idonea informazione circa la presenza e l'utilizzazione di autovelox, il relativo verbale di contestazione è illegittimo e tale principio non può essere svuotato di efficacia "nell'ambito dei rapporti organizzativi interni alla pubblica amministrazione".

In particolare, la distanza tra i segnali o i dispositivi di avviso e il luogo in cui è collocato lo strumento di rilevamento delle velocità non può mai essere inferiore a 1 km o superare i 4 km ed è condizionato dallo stato dei luoghi: ad esempio, se tra il segnale di avviso e il luogo dell'effettivo rilevamento vi siano intersezioni, l'autovelox non è legittimo anche se la segnaletica è posta a una distanza inferiore a quella sovra indicata.

In tal senso, chiarissima è anche la sentenza n. 24526/2006, la quale precisa che "la ratio della preventiva informazione si rinviene nell'obbligo di civile trasparenza gravante sulla P.A., il cui potere sanzionatorio in materia di circolazione stradale non è tanto ispirato dall'intento della sorpresa ingannevole dell'automobilista indisciplinato, in un logica patrimoniale captatoria, quanto da uno scopo di tutela della sicurezza stradale e di riduzione dei costi economici, sociali e ambientali derivanti dal traffico veicolare, nonché di fluidità delle circolazione, anche mediante l'utilizzo di nuove tecnologie".

- Indicazione del limite di velocità

Affinché la contestazione sia valida, inoltre, è ovviamente necessario che sia indicato il limite di velocità ma anche, secondo quanto stabilito dalla Corte di cassazione con l'ordinanza n. 11018 del 20 maggio 2014, che, in caso di incrocio, il segnale del limite di velocità venga riproposto.

Autovelox: le strade su cui sono ammessi e la necessaria presenza di un agente

Altri due requisiti sono particolarmente rilevanti e da conoscere nel caso in cui si voglia tentare una difesa rispetto a una multa comminata attraverso l'utilizzo degli autovelox.

Innanzitutto tali apparecchi possono essere posizionati incondizionatamente solo sui percorsi extraurbani.

Nel caso in cui essi siano posizionati su percorsi urbani ordinari, invece, le relative multe sono sempre annullabili, anche se vi sia stato il nullaosta del prefetto: l'installazione dell'autovelox nelle strade urbane, infatti, è valida solo per quelle ad alto scorrimento caratterizzate da pericolosità, traffico o difficoltà nel fermare il veicolo.

Inoltre, come stabilito nell'ordinanza n. 680/2011 della Corte di cassazione, dal verbale della multa deve necessariamente e in ogni caso emergere la presenza di un agente preposto al servizio di polizia nella fase di elaborazione dell'accertamento, cosa che rischia di non essere garantita nel caso in cui il comune interessato esternalizzi totalmente la gestione del servizio.

In ogni caso la giurisprudenza in materia è ricca e variegata e le ipotesi in cui le multe irrogate attraverso tali apparecchi sono state considerate illegittime molteplici.

Autovelox: le nuove regole del 2017

Di recente, in materia di autovelox sono intervenute nuove regole destinate a fare chiarezza sui diversi aspetti che disciplinano tali strumenti. A dettarle è la cosiddetta direttiva Minniti che, a quasi 8 anni dalla precedente (direttiva Maroni), è stata emanata nel corso dell'estate 2017.

Leggi in merito:

Ecco in sintesi le novità:

Autovelox: segnalazione preventiva e distanza

Secondo il recente provvedimento, che ha chiarito anche alcuni aspetti relativi ai tutor, gli autovelox (così come i tutor e i telelaser) devono essere sempre segnalati preventivamente (in entrambe le direzioni di marcia) ad una distanza minima:

- di almeno 250 metri sulle autostrade e selle strade extraurbane principali,

- di 150 metri sulle strade extraurbane secondarie e sulle strade urbane di scorrimento per le quali è prevista una velocità massima superiore a 50 chilometri orari e di 80 metri su tutte le altre strade.

La direttiva non si pronuncia sulla distanza massima invece che, secondo la giurisprudenza è fissata in 4 chilometri, ma stabilisce in ogni caso che tra il cartello e l'autovelox non devono esserci né intersezioni né immissioni laterali di strade pubbliche.

I cartelli permanenti con i quali si segnala il controllo elettronico della velocità, poi, sono legittimi solo se in quella strada il controllo avviene effettivamente.

Autovelox: visibilità delle postazioni

Le postazioni autovelox (così come quelle di tutor e telelaser) inoltre devono essere ben visibili all'utente della strada, a prescindere dalla presenza o meno degli agenti. In mancanza di una pattuglia, è necessario altresì che gli apparecchi siano corredati di un segnale con il quale è riportato il simbolo dell'organo di polizia oppure di un'iscrizione del corpo o servizio. Laddove, invece, le postazioni siano presidiate da un agente, questo deve indossare l'uniforme e ove possibile, essere affiancato dall'auto di servizio riconoscibile con i colori istituzionali o il simbolo dell'organo accertatore.

Taratura obbligatoria autovelox

La direttiva ribadisce, in conformità a quanto statuito dalla Consulta, che tutti gli strumenti utilizzati per rilevare elettronicamente la velocità devono essere approvati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e che devono essere sottoposti a taratura periodica almeno annuale.

Gli autovelox, poi, non possono essere gestiti o usati da società private, potendo essere affidati solo ai corpi e ai servizi di polizia stradale, che ne devono avere sempre l'esclusiva disponibilità.

Riduzione della velocità rilevata

La direttiva, in merito alla riduzione della velocità rilevata a favore del trasgressore, precisa che questa è del 5% del valore rilevato e di minimo 5 chilometri orari, senza che sia possibile arrotondare gli eventuali decimali o considerare in maniera ulteriore le incertezze di rilevazione dello strumento.

Autovelox, tutor e privacy

Ai fini del rispetto della normativa sulla privacy, la direttiva statuisce che gli apparecchi di controllo elettronico della velocità possono memorizzare soltanto le immagini che registrano una violazione dei limiti fissati per il tratto di strada di competenza e che possono conservarle solo per il tempo strettamente necessario ad applicare le sanzioni e a definire gli eventuali ricorsi.

Le foto inoltre non vanno mai allegate al verbale, ma possono essere acquisite solo dietro richiesta del destinatario dello stesso, dopo che gli altri soggetti ripresi siano stati oscurati.

Spese a carico dell'automobilista

Le eventuali spese per l'accertamento della violazione mediante autovelox (e altri apparecchi) sono poste a carico dell'automobilista trasgressore. Di conseguenza, le stesse devono essere indicate dagli accertatori in maniera analitica e devono poter essere documentate.

Leggi anche:

- Autovelox - raccolta di articoli e sentenze

- Come si impugna una contravvenzione. Guida con articoli sentenze e formule per la redazione dei ricorsi

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/10/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF