Pubblicata dall'Agenzia delle Entrate la guida completa sul Superbonus del 110% previsto dal Decreto Rilancio
mano con lampadine rinnovabili

La guida dell'Agenzia sul Superbonus

[Torna su]

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Guida sul Superbonus del 110% (sotto allegata), misura prevista dal Decreto Rilancio in favore di coloro che, nonostante il periodo di crisi, eseguono principalmente interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza degli edifici dal rischio terremoti.

Vediamo quali sono le caratteristiche più importanti di questa agevolazione fiscale, rimandando per i necessari approfondimenti ed esempi pratici alla Guida dell'Agenzia.

Cos'è il Superbonus 110%

[Torna su]

Il Superbonus è una misura introdotta dal Decreto Rilancio per sostenere l'economia, la salute e il lavoro soprattutto dopo l'emergenza epidemiologica del Covid19.

In particolare il Superbonus prevede una detrazione fiscale del 110% per coloro che, tra il 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021 eseguono interventi finalizzati a migliorare l'efficienza energetica degli edifici, la sicurezza sismica, installano colonnine per la ricarica delle auto elettriche e installano impianti fotovoltaici.

Questa misura non sostituisce, ma si aggiunge alle detrazioni fiscali già previste dalla normativa, in favore di chi esegue interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli che hanno l'obiettivo di migliorare le prestazioni antisismiche ed energetiche.

Si può beneficiare del Superbonus se si eseguono gli interventi previsti dal Decreto Rilancio su parti comuni degli edifici, su unità immobiliari indipendenti dotate di uno o più accessi autonomi dall'esterno situate all'interno di immobili plurifamiliari e su singole unità immobiliari.

Il Superbonus è escluso invece se le opere interessano gli immobili appartenenti alle categorie catastali di "lusso": A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).

Quali interventi ne beneficiano

[Torna su]

Dal punto di vista fiscale il Superbonus consiste in una detrazione del 110% dall'imposta lorda per le spese documentate che il contribuente sostiene nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 per le seguenti opere "trainanti":

  • isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate dell'involucro degli edifici, che incidono in misura superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria;
  • interventi antisismici previsti e regolamentati dai commi 1-bis - 1-septies art. 16 del d.l n. 63/2013.

Se il contribuente effettua anche uno solo dei suddetti interventi "trainanti" beneficia del superbonus nella misura del 110% anche per i seguenti interventi "trainati" purché eseguiti congiuntamente:

  • a opere di efficientamento energetico che rientrano nell'ecobonus, nel rispetto dei limiti si spesa previsti dalla legislazione vigente per ogni intervento;
  • all'installazione di impianti di ricarica dei veicoli elettrici negli edifici (art. 16-ter d.l n. 63/2013);
  • all'installazione di impianti solari fotovoltaici collegati alla rete elettrica sugli edifici indicati all'art.1, comma 1, lettere a), b), c) e d), del dPR n. 412/1993;
  • all'installazione contemporanea o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati.

A chi spetta il Superbonus

[Torna su]

Possono beneficiare della detrazione del 110% i seguenti soggetti (anche se le spese sono sostenute dal primo gennaio 2022 fino al 30 giugno 2022);

  • i condomìni;
  • le persone fisiche in quanto tali e non in quanto soggetti esercenti un'arte, una professione o un'attività d'impresa (a meno che non si tratti di interventi trainanti eseguiti su parti comuni del condominio);
  • gli Istituti Autonomi case popolari e gli enti che perseguono la stessa finalità per interventi sugli immobili di loro proprietà o gestiti per conto dei Comuni.

La detrazione è invece prevista per le opere eseguite nei termini indicati dal decreto Rilancio, ossia dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021) per i seguenti soggetti:

  • cooperative a proprietà indivisa per gli interventi su immobili posseduti e assegnati in godimento ai soci;
  • specifiche Organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionali, regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano;
  • particolari associazioni e società sportive dilettantistiche limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

L'agevolazione spetta a chi, al momento dell'intervento, possiede o detiene l'immobile in base a un titolo idoneo. Beneficiano pertanto della misura il proprietario, l'usufruttuario, il titolare del diritto di uso, abitazione e superficie, il titolare di un contratto di locazione anche finanziaria, il comodatario con contratto regolarmente registrato e previo consenso del proprietario e dei familiari del possessore o del detentore.

Come funziona la detrazione

[Torna su]

La detrazione del 110% deve essere ripartita in cinque quote annuali di pari importo.

Indipendentemente dal momento in cui vengono avviati i lavori per la corretta applicazione dell'aliquota occorre fare riferimento:

  • per le spese sostenute dalla persone fisiche e gli esercenti un'arte, una professione o un'impresa alla data del pagamento effettivo;
  • per gli esborsi affrontati dalle imprese individuali, dalle società e dagli enti commerciali invece dalla data dell'ultima prestazione.

La detrazione che non trova capienza nell'imposta lorda di ogni anno non può essere utilizzata per diminuire l'imposta dell'anno successivo, così come non se ne può chiedere il rimborso.

In alternativa alla detrazione il contribuente, relativamente a particolari interventi (recupero del patrimonio edilizio previsto dal TUIR; riqualificazione energetica rientrante nell'ecobonus; misure antisismiche rientranti nel sismabonus; recupero o restauro della facciata degli edifici; installazione di impianti fotovoltaici; installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici) ha diritto di scegliere tra altre due opzioni:

  • "contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo massimo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati";
  • "cessione di un credito d'imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti" come i fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione dell'intervento; persone fisiche, anche se esercitano attività di lavoro autonomo o d'impresa, società e enti; istituti di credito e intermediari finanziari.

I crediti di imposta che non possono essere ulteriormente ceduti possono essere utilizzati in compensazione tramite il modello F24.

Adempimenti in caso di sconto o cessione del credito

[Torna su]

Se il contribuente opta per lo sconto o la cessione del credito, oltre ai normali adempimenti richiesti per beneficiare della detrazione, deve chiedere il visto di conformità "dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta" rilasciato da commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro e responsabili dell'assistenza fiscale dei CAF. Chi rilascia il visto deve controllare che siano state rilasciate le perizie asseverate da parte dei professionisti incaricati.

In ogni caso, sia quando il contribuente beneficia direttamente della detrazione sia quando opta per lo sconto o la cessione è necessario:

  • per gli interventi di efficientamento energetico, il rilascio dell'asseverazione di un tecnico abilitato, per dimostrare che l'intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici e che le spese sono congrue;
  • per gli interventi antisismici, il rilascio dell'asseverazione dei professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione lavori delle strutture e collaudo statico iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali per attestare l'efficacia degli interventi e la congruità delle spese sostenute.

I tecnici abilitati che rilasciano le attestazioni e le asseverazioni, sono obbligati a stipulare polizza di assicurazione della responsabilità civile, con un massimale non inferiore a 500.000 euro, per garantire ai clienti e allo Stato il risarcimento dei danni eventualmente cagionati dall'attività prestata.

I controlli dell'Agenzia delle Entrate

[Torna su]

L 'Agenzia delle Entrate procede, nell'ambito della sua attività ordinaria di controllo, in base a criteri selettivi, al controllo dei documenti presentati dai richiedenti, per accertare la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge. In caso di mancata integrazione, anche parziale dei requisiti provvede al recupero della detrazione, se non spettante, maggiorata degli interessi e delle sanzioni.

I fornitori e i cessionari rispondono invece solo per l' utilizzo irregolare o in misura maggiore rispetto al credito d'imposta ricevuto.

Leggi anche:

- Superbonus 110%: la responsabilità è dei proprietari

- Superbonus 110% anche per le seconde case

- Superbonus 110%: sanzioni pesanti per chi sbaglia

Scarica pdf Agenzia entrate guida superbonus 110
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: