Sei in: Home » Guide Legali » fisco » Detrazioni fiscali

Le detrazioni fiscali

Ecco tutto quello che si può dedurre dalle tasse. Una guida con elenco completo a tutte le detrazioni fiscali


Ogni anno, nel periodo estivo, arriva il momento delle tasse e, come di consueto, la domanda che maggiormente ricorre tra i cittadini che devono presentare plichi di documentazione al proprio commercialista è: "quali spese posso scaricare"?

Ecco quindi un riassunto di tutte le detrazioni fiscali Irpef previste per l’anno 2018, grazie alle quali è possibile ridurre l’importo delle tasse da pagare.

Indice:

  1. Detrazioni per spese mediche e farmaci
  2. Detrazioni per istruzione e figli
  3. Detrazioni per disabilità e non autosufficienza
  4. Detrazioni per interessi
  5. Detrazioni per la casa
  6. Detrazione delle erogazioni liberali
  7. Altre detrazioni
  8. I limiti alla detrazione

Detrazioni per spese mediche e farmaci

Le detrazioni più utilizzate dai cittadini durante la dichiarazione dei redditi sono quelle per le spese mediche e per i farmaci. Per esse la detrazione è pari al 19% degli importi sborsati annualmente.

In particolare, si possono detrarre le seguenti spese:

  • spese sanitarie
  • spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti
  • spese sanitarie per persone con disabilità
  • spese sanitarie per le quali nella precedente dichiarazione è stata chiesta la rateizzazione
  • spese veterinarie.

Detrazioni per istruzione e figli

Anche le spese sostenute nell'ambito dell’istruzione – siano esse per scuole primarie, per scuole secondarie o per l’università – permettono di ottenere una detrazione pari al 19% sui costi annui.

Le detrazioni inerenti all'istruzione, nel dettaglio, riguardano le seguenti voci:

  • spese scolastiche
  • spese per istruzione universitaria
  • spese per istruzione diverse da quelle universitarie
  • spese per asili nido

Sempre con riferimento alle spese sostenute per i propri figli è poi possibile detrarre le seguenti categorie di spese:

  • spese per attività sportive per ragazzi
  • spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede.

Detrazioni per disabilità e non autosufficienza

Tra le spese che possono dare luogo a una detrazione pari al 19% vi sono poi quelle sostenute da o per persone con disabilità.

Oltre a quelle già viste per le spese sanitarie, ci si riferisce anche alle seguenti:

  • spese per veicoli per persone con disabilità
  • spese per l'acquisto di cani guida
  • spese per servizi di interpretariato per soggetti riconosciuti sordi
  • premi per assicurazioni per la tutela delle persone con disabilità grave.

Chi non è autosufficiente o teme di perdere la propria autosufficienza, poi, può detrarre, sempre al 19%:

  • premi per assicurazioni per rischio di non autosufficienza
  • spese per addetti all'assistenza personale.

Detrazioni per interessi

State pagando un mutuo? Gli sforzi mensili per il pagamento delle rate daranno saranno in parte ripagati al momento della dichiarazione dei redditi. Nel lungo elenco di detrazioni fiscali Irpef, infatti, è previsto uno sgravio pari al 19% della quota di interessi passivi pagati su un mutuo per l'acquisto della prima casa.

Le detrazioni al 19% per interessi, peraltro, non si arrestano a questa ma, complessivamente, interessano le seguenti voci:

  • interessi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale
  • interessi per mutui ipotecari per l'acquisto di altri immobili
  • interessi per mutui ipotecari per la costruzione dell'abitazione principale
  • interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  • interessi per prestiti o mutui agrari.

Detrazioni per la casa

La maggior parte delle detrazioni riguarda la casa di abitazione. Per le spese sostenute per sistemarla, arredarla, modernizzarla, infatti, sono concessi tantissimi benefici.

Si tratta in particolare dei:

  • bonus ristrutturazione (50%)
  • bonus mobili ed elettrodomestici (50%)
  • ecobonus (65%, 70%, 75% a seconda degli anni in cui sono state sostenute le spese)
  • interventi antisismici sulle parti comuni condominiali (75% per il passaggio a una classe di rischio inferiore, 85% per il passaggio a due classi inferiori)
  • interventi antisismici in zone ad alta pericolosità (50%, 70% per il passaggio a una classe di rischio inferiore, 80% per il passaggio a due classi inferiori).

Detrazione delle erogazioni liberali

Se durante lo scorso anno avete fatto una donazione o un’erogazione liberale – intesa come la concessione di somme o beni a uno o più enti senza richiesta di alcuna prestazione in cambio – in fase di dichiarazione dei redditi potrete beneficiare di uno sgravio pari al 19% della spesa sostenuta se si è trattato di:

  • erogazioni liberali a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche
  • erogazioni liberali a favore di associazioni di promozione sociale
  • erogazioni liberali per attività culturali e artistiche
  • erogazioni liberali a favore di enti che operano nello spettacolo
  • erogazioni liberali a favore di fondazioni che operano nel settore musicale
  • erogazioni liberali a favore di istituti scolastici di ogni ordine e grado
  • erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia
  • erogazioni liberali a favore del fondo per l'ammortamento di titoli di Stato
  • erogazioni liberali a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari.

La detrazione è invece pari al 26% per le:

  • erogazioni liberali a favore delle Onlus.

Altre detrazioni

Le detrazioni non si fermano a quelle appena viste. Infatti, è possibile detrarre al 19% le seguenti spese:

  • contributi associativi alle società di mutuo soccorso
  • spese per il riscatto degli anni di laurea dei familiari a carico
  • spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • canoni di locazione
  • spese funebri
  • premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
  • spese per intermediazione immobiliare.

I limiti alla detrazione

Tutte le predette detrazioni sono assoggettate a dei limiti minimi e/o massimi di spesa.

Ad esempio, le spese mediche possono essere detratte solo sulla quota eccedente i 129,11 euro; le spese scolastiche sino a massimo 786 euro; le spese per attività sportive per i figli sino a massimo 210 euro; le spese funebri sino a massimo 1.550 euro e così via.

I tetti sono variabili in caso di locazione e dipendono dal reddito complessivo del soggetto interessato alla locazione, dalla tipologia di contratto stipulato e dall'età anagrafica.

Leggi anche: 

- Agevolazioni fiscali: tutti i modi per risparmiare sulle tasse

- Figli a carico: guida alle detrazioni

- Agevolazioni fiscali persone con disabilità

- Ristrutturazione edilizia: ecco tutte le agevolazioni fiscali

Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f g+ t in Rss