Il decreto n. 31/2020 del Ministero del Lavoro prevede l'obbligo di comunicare ai pensionati informazioni dettagliate sulle trattenute sindacali
uomo e donna pensionati guardano al computer i propri redditi

di Annamaria Villafrate - Il decreto n. 31/2020 del Ministero del lavoro (sotto allegato) prevede l'obbligo a carico degli enti che erogano le pensioni, di fornire ai pensionati un'informazione di dettaglio sulle trattenute sindacali operate per le quote associative. Queste informazioni devono comparire nel provvedimento di liquidazione, nei cedolini mensili e nella certificazione annuale della pensione. A queste si aggiunge una comunicazione per i nuovi iscritti in modalità telematica per chi è in possesso del Pin personale, a mezzo posta per chi non ha ancora il proprio Personal Identification Number.

Trattenute sindacali nei cedolini e nella certificazione annuale

[Torna su]

Il decreto n. 31/2020 del Ministero del Lavoro, in attuazione dell'art. 25 ter, co. 1 del decreto legge n. 4/2019 all'articolo 1 sancisce l'obbligo, per gli enti che erogano i trattamenti pensionistici, di fornire un'informazione puntuale sulle trattenute sindacali relative alle quote associative, esponendoli in modalità telematica nel provvedimento di liquidazione, nei cedolini mensili dei ratei della pensione e nella certificazione annuale della pensione.

Dal 2020 comunicazione per i nuovi titolari di pensione

[Torna su]

Per agevolare la conoscenza delle trattenute sindacali da parte dei nuovi titolari di trattamenti pensionistici, l'art. 2 prevede inoltre che, a partire dal 2020, chi eroga le pensioni ha l'obbligo di inviare una comunicazione da cui devono risultare la denominazione dell'organizzazione sindacale a cui sono iscritti, da quando decorre la trattenuta e l'importo della trattenuta. Questa comunicazione è prevista anche quando sulla pensione vigente la trattenuta viene attivata o modificata.

Comunicazioni per posta a chi non ha il Pin

[Torna su]

La comunicazione prevista per i nuovi iscritti viene eseguita in modalità telematica per chi è già in possesso del Pin, per gli altri invece si provvede a mezzo posta.

Leggi anche Trattenute sindacali sullo stipendio: è il lavoratore a decidere e può revocarle

Scarica pdf DM n. 31 del 18 febbraio 2020
Vedi anche:
Novità pensioni: ultime notizie
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: