Sei in: Home » Articoli

Accordo migranti UE: cosa prevede

L'accordo europeo sulla migrazione prevede più aiuto ai paesi del Mediterraneo, ma la presa in carico dei migranti nei centri di accoglienza è prevista "su base volontaria". Ecco i contenuti e le reazioni
barcone di migranti che ricevono soccorsi in mare

di Annamaria Villafrate - Il tema dei migranti divide ancora. L'accordo UE sulle migrazioni del 28 giugno (sotto allegato) non convince. Francia e Germania si dicono soddisfatti, riconoscono la necessità di uno sforzo condiviso sul tema della migrazione, ma "unicamente su base volontaria". Niente di nuovo quindi, nessun impegno reale, solo buoni propositi. Conte si dice soddisfatto, Salvini è prudente, Giorgia Meloni invece ritiene che sono stati fatti addirittura dei passi indietro. Tra le finalità dell'accordo il contrasto ai traffici illeciti, un maggiore sostegno ai paesi del Mediterraneo centrale e orientale, la creazione di piattaforme di sbarco, finanziamenti al Fondo fiduciario dell'UE per l'Africa, la necessità di creare un partenariato con l'Africa, l'adozione di politiche di rimpatrio più efficaci e la necessità di riformare l'accordo di Dublino.


  1. Migranti: cosa prevede l'accordo UE
  2. Accordo migrazione Ue: contenti e scontenti

Migranti: cosa prevede l'accordo UE

Dopo quasi 10 ore di lavoro, ecco gli obiettivi dell'accordo di Bruxelles sui migranti:

  • affrontare il tema della migrazione con un approccio globale europeo;
  • continuare a rafforzare la politica dei flussi per impedire il ritorno al fenomeno dell'immigrazione incontrollata del 2015;
  • intensificare gli sforzi per contrastare le attività dei trafficanti libici nell'area centrale del Mediterraneo, fornendo maggiore sostegno all'Italia e agli Stati in prima linea;
  • attuare con più forza la dichiarazione UE-Turchia per impedire gli attraversamenti dei migranti dalla Turchia;
  • creare piattaforme di sbarco (anche se non è stato ancora deciso se sul territorio di paesi terzi o dell'Unione Europea) per realizzare operazioni di ricerca e soccorso "basato su azioni condivise o complementari tra gli Stati membri";
  • prendere in carico i migranti "sulla base di uno sforzo condiviso" e trasferirli in centri sorvegliati istituiti negli Stati membri, "unicamente su base volontaria" per distinguere rapidamente gli irregolari da rimpatriare da chi necessita della protezione internazionale;
  • trasferire al Fondo fiduciario dell'UE per l'Africa di 500 milioni di euro e alimentare il Fondo fiduciario UE per l'Africa;
  • dare vita a un partenariato con l'Africa per realizzare una trasformazione socioeconomica del continente africano, prestando più attenzione a salute, infrastrutture, innovazione, buon governo ed emancipazione femminile;
  • "disporre di strumenti flessibili, ad esborso rapido, per combattere la migrazione illegale";
  • "presentare proposte legislative per una politica europea di rimpatrio efficace e coerente" per intensificare il rimpatrio effettivo dei migranti irregolari;
  • adottare misure legislative e amministrative interne per ostacolare i movimenti secondari di richiedenti asilo;
  • riformare l'accordo di Dublino.

Accordo migrazione Ue: contenti e scontenti

All'indomani dell'accordo UE sui migranti il Presidente del Consiglio Conte si dice soddisfatto, perché l'UE promette di essere più vicina all'Italia sul tema dei flussi migratori del Mediterraneo. Matteo Salvini invece non si sbilancia. Aspetta di vedere i fatti. Nel frattempo dice no all'apertura di nuovi centri di accoglienza, promettendo tagli a quelli già esistenti, per mettere la parola fine alle speculazioni messe in atto da chi gestisce le cooperative. Giorgia Meloni ritiene che Conte, forse per inesperienza, si sia fatto raggirare da Merkel e Macron. Su alcuni punti dell'accordo infatti non sono stati fatti passi in avanti per l'Italia.

Sul fronte europeo il Presidente Macron, felice che dall'accordo non siano insorti "obblighi" per gli Stati membri, considerato che la presa in carico dei migranti è prevista "unicamente su base volontaria", ribadisce che l'accoglienza riguarda solo l'Italia. La Merkel riesce a ottenere che "i movimenti secondari di richiedenti asilo tra Stati membri rischiano di compromettere l'integrità del sistema europeo comune di asilo e l'acquis di Schengen. Gli Stati membri dovrebbero adottare tutte le misure legislative e amministrative interne necessarie per contrastare tali movimenti e cooperare strettamente tra di loro a tale fine." I migranti sono quindi vincolati a restare nei paesi di primo accesso, tra i quali, naturalmente l'Italia.

Accordo Bruxelles migranti 28 giugno 2018
(30/06/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Bollette gas: dal 1° gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato

Newsletter f g+ t in Rss