Sei in: Home » Articoli

Visite fiscali in malattia: 7 ore per tutti

Fasce di reperibilità armonizzate ed estese a tutti i lavoratori. L'ipotesi allo studio del Governo delineata dal presidente dell'Inps
medico donna mostra cartella clinica a infermiera

di Marina Crisafi – Rivoluzione in materia di visite fiscali in arrivo. Quanto contenuto nel testo unico del pubblico impiego che arriverà in questi giorni sul tavolo del consiglio dei ministri, in attuazione della riforma Madia, è stato anticipato oggi dal presidente dell'Inps, Tito Boeri.

Nello specifico, l'ipotesi allo studio, oltre alla stretta sui licenziamenti e alle regole d'oro cui dovranno attenersi i dipendenti pubblici per evitarli (leggi: "Licenziamento: i 10 motivi per cui scatta"), è quella di affidare i controlli fiscali all'Inps (e non più alle Asl) e armonizzare le fasce di reperibilità per malattia

Attualmente, infatti, si prevedono 4 ore per i dipendenti privati e 7 per i dipendenti pubblici. Con la riforma, invece, saranno estese ed uguali per tutti a 7 ore giornaliere, anche perché "non ha senso che ci siano differenze tra pubblico e privato".

"L'armonizzazione e l'estensione – spiega Boeri - servono a svolgere i controlli in modo efficiente, a ridurre le spese e a gestire al meglio i nostri medici. 

Ovviamente, l'istituto, conclude il presidente, "è pronto ad assumersi queste nuove responsabilità – ma per farlo - occorrono delle risorse aggiuntive". Inoltre, "sarebbe molto importante se potessimo anche organizzare meglio, ottimizzare il tempo dei medici". 

Per approfondimenti, leggi "Visite fiscali: cambia tutto

(09/02/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss