Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sì al danno biologico per demansionamento anche senza mobbing

La Suprema Corte ribadisce che il mobbing è una figura complessa. Quando uno dei suoi elementi manca, gli altri possono essere valutati giuridicamente anche da soli
lavoro licenziato licenziamento mobbing

di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 22635/2015, depositata il 5 novembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha chiarito che, anche laddove non venga accolta una domanda di mobbing, è comunque possibile riconoscere al lavoratore un danno biologico derivante dal suo demansionamento

Nel caso di specie, la ricorrente lamentava una presunta incoerenza della sentenza di merito che, in presenza di una domanda di mobbing e di conseguente risarcimento danni da parte di un lavoratore suo dipendente, ne aveva escluso la fondatezza ma aveva comunque condannato il datore di lavoro al risarcimento del danno biologico e alla professionalità.

Per la Cassazione, però, il ragionamento effettuato dalla Corte d'Appello deve ritenersi corretto.

Infatti, ricordano i giudici, il mobbing è una figura complessa, composta da molteplici atti o comportamenti vessatori, protratti nel tempo e guidati da un intento di persecuzione ed emarginazione.

In sostanza, affinché esso si configuri, è necessario che vi sia una serie di comportamenti persecutori, che vi sia una lesione della salute, della personalità o della dignità della vittima, che tali due elementi siano in rapporto di causalità e che sussista il suindicato elemento soggettivo.

Quindi, anche laddove uno di tali elementi manchi e il mobbing non possa di conseguenza ritenersi integrato, è comunque possibile valutare giuridicamente altri fatti singolarmente rilevanti.

Così, correttamente la Corte territoriale, una volta esclusa la sussistenza dell'intento vessatorio e persecutorio, ha comunque ravvisato l'esistenza di un danno biologico derivante dalla condotta di radicale e sostanziale esautoramento del lavoratore dalle sue mansioni

Corte di cassazione testo sentenza numero 22635/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF