Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dipendente chiassoso? Datore di lavoro va sotto processo

Se un dipendente arreca disturbo alla quete pubblica a finire sotto processo è il datore di lavoro. Spetta a lui infatti, secondo la Cassazione (sentenza 36737/2008) il compito di "impedire il disturbo" arrecato da dipendenti particolarmente chiassosi durante il lavoro. La Corte ha così confermato la condanna per il reato di disturbo del riposo e della quiete pubblica (previsto e punito dall'art. 659 c.p. nei confronti del proprietario di un panificio i cui dipendenti facevano schiamazzi ad ogni ora del giorno e della notte. Dopo la condanna dei giudici di merito il titolare dell'esercizio si è rivolto alla Corte lamentando diessere stato ingiustamente condannato "a titolo di responsabilita' oggettiva mentre i rumori molesti erano provocati dai suoi dipendenti". Gli ermellini hanno respinto il ricorso ricordando che ai fini dell'accertamento del reato di cui all'articolo 659 C.p. "appare del tutto irrilevante che le molestie provenissero dal comportamento dei dipendenti, in quanto era dovere" del titolare stesso "impedire il disturbo al riposo delle persone, una volta reso edotto del comportamento tenuto ai dipendenti, cosi' come il gestore di un bar risponde degli schiamazzi che siano posti in essere dagli avventori". In ogni caso, chiarisce la Corte, "i rumori erano riferibili anche allo svolgimento dell'attivita' di panificazione in se".
(29/09/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF