Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lavoratore parla male dell'azienda? Può essere licenziato per giusta causa

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 19232/2007) ha stabilito che può essere legittimo il licenziamento del lavoratore che offende e letteralmente "parli male" dell'azienda presso cui presta la propria attività lavorativa.
Secondo i Giudici del Palazzaccio, il comportamento del lavoratore può costituire giusta causa per il licenziamento poichè la maldicenza espressa, può esprimere una potenzialità negativa sul futuro adempimento degli obblighi del dipendente minando, in maniera determinante e a volte irreversibile, il rapporto di fiducia con il datore di lavoro.
Sul punto, gli Ermellini hanno chiarito che l'intensità del rapporto di fiducia, dipende inevitabilmente dalla natura e dalla qualità del singolo rapporto, dalla posizione coperta dal lavoratore e dal grado di affidamento richiesto.
Con questa decisione gli Ermellini hanno annullato la reintegrazione nel posto di lavoro richiesto da una infermiera licenziata per essersi espressa negativamente sulle effettive capacità professionali del personale dell'azienda ospedaliera presso cui lavorava e per aver gettato discredito sull'intera struttura.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/09/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF