Sei in: Home » Articoli

Giudice di Pace Bergamo: questione legittimita' costituzionale espulsione senza sospensione

Il Giudice di Pace di Bergamo ha giudicato non rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 13 commi 3 e 8, del Decreto Legislativo n. 286 del 25/7/1998, come modificato dal Decreto Legge 14/91/2004 n. 241, convertito in legge 271/2004, entrambi in riferimento all'art. 24 della Costituzione, laddove è prevista l'esecutorietà immediata del decreto prefettizio di espulsione ancorché sottoposto a gravame o impugnativa (art. 13, comma 3) e, quanto alla seconda norma, nella parte in cui non prevede l'adozione di provvedimenti cautelari di sospensione fino alla data fissata per la Camera di Consiglio (art. 13, comma 8). Secondo il Giudice, la previsione dell'immediata esecutività del decreto prefettizio di espulsione dello straniero, anche in pendenza di ricorso, e l'assenza di strumenti cautelari di garanzia almeno fino alla data fissata per la Camera di Consiglio non è affatto rispondente agli indirizzi garantistici indicati dal giudice costituzionale per l'effettiva tutela giurisdizìonale dell' immigrato, anzi si risolve in una vuota e penosa parvenza di garanzia poiché lascia il ricorrente esposto agli ulteriori provvedimenti dell'autorità amministrativa di polizia, il tutto senza che sull'atto della P.A. sia avvenuta la verifica giudiziale della sua legittimità, che può avvenire nel termine massimo - tutt'altro che breve - di ben ottanta giorni dalla sua emissione ed in assenza di un procedimento di convalida dell'ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale.
(Tribunale di Bergamo - Ufficio del Giudice di Pace Ordinanza di rimessione alla Corte Costituzionale 4 gennaio 2005 Decreto di espulsione dal territorio nazionale - Esecutorietà immediata anche in pendenza di gravame o impugnativa - Mancata previsione provvedimenti cautelari - Illegittimità costituzionale - Rilevante e non manifestamente infondata). [Sentenza cortesemente inviata dall'Avv. Mario Pavone - Animi]
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/01/2005 - www.filodiritto.com)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF