Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'incapacità di testare ex art. 591 codice civile

scrive penna
La Corte di Cassazione si è di nuovo pronunciata, con la sentenza n. 2212 del 2013, sul tema della incapacità di testare ex articolo 591 codice civile e sull'annullamento del testamento per incapacità del testatore.
Nel caso di specie, il de cuius aveva dapprima redatto un testamento olografo, nominando come erede un centro residenziale per anziani, mentre recava una data successiva il testamento pubblico con il quale erano stati nominati eredi universali due altri soggetti.

Tanto il giudice di primo grado, quanto la Corte d'appello hanno ritenuto che la testatrice non fosse capace di intendere e di volere all'atto della redazione del testamento pubblico, sulla scorta delle deposizioni dei testi, di referti medici specialistici e delle argomentazioni del consulente tecnico d'ufficio.

Secondo la Corte Suprema è ineccepibile la considerazione operata dalla corte territoriale sulla irrilevanza del fatto, in quanto tale, che il testamento sia stato redatto da un notaio. Da tale circostanza non discende necessariamente che il testatore per questo semplice motivo abbia integre le sue facoltà mentali. In tal senso si era già pronunciata la Cassazione (sentenza n. 4939 del 1981) laddove afferma che dalla pura circostanza che il testamento venga redatto da un notaio, ossia da un pubblico ufficiale e da persona fornita di adeguata cultura letteraria, non deriva per forza di cose che il disponente abbia il pieno possesso delle sue capacità mentali. Infine, il giudice di legittimità affronta la questione dell'onere della prova in tema di annullamento del testamento per incapacità del testatore, aderendo ad un consolidato orientamento giurisprudenziale sul punto, per cui l'onere di provare che il testamento fu redatto in un momento d'incapacità di intendere e di volere del testatore grava sulla parte che abbia dedotto tale incapacità, mentre incombe sulla controparte l'onere di provare la validità del testamento in quanto redatto in uno spazio temporale di lucidità.

Vai al testo della sentenza n. 2212/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/04/2013 - A.V.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF