TFR in busta paga a rischio flop. Lo ha chiesto meno dello 0,1% dei lavoratori

Secondo la Fondazione studi dei Consulenti del lavoro su un milione di dipendenti solo 567 hanno aderito al Qu.ir.
soldi corruzione

di Marina Crisafi - Rischia di tradursi in un vero e proprio flop l'operazione Tfr in busta paga scattata il 3 aprile scorso. A rivelarlo è la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro che analizzando i dati a quasi due mesi dall'avvio della misura introdotta dall'ultima legge di stabilità ha rilevato come meno dello 0,1% dei dipendenti ha fatto richiesta per il Qu.ir. (quota integrativa della retribuzione).

Secondo l'analisi, infatti, dalle elaborazioni degli stipendi di maggio (mese in cui è scattata l'ammissibilità della liquidazione richiesta ad aprile), su un milione di posizioni relative alle grandi aziende, soltanto 567 lavoratori (ossia lo 0,05%) per lo più residenti nel Centro Nord (75%) e impiegati nel terziario e nell'industria (rispettivamente 43% e 27%) hanno chiesto l'anticipazione in busta paga fino a giugno 2018, contro le previsioni del Governo che aveva ipotizzato a regime un interesse del 40%-50% dei lavoratori destinatari dell'operazione.

Le ragioni del flop, come emerso dalle interviste a un campione rappresentativo di coloro che non hanno richiesto l'anticipo, sono da ricondurre al “prelievo fiscale”, visto che l'anticipo è a tassazione ordinaria.

La convenienza, secondo i calcoli della fondazione dei consulenti esisterebbe, infatti, soltanto per le fasce più basse di reddito, ossia per i lavoratori con redditi fino a 15mila euro, mentre chi è al di sopra di questa soglia subirebbe un aggravio fiscale con un aumento annuale di tasse proporzionale al reddito più elevato.

 

(01/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF