Sei in: Home » Articoli

Conto “salato” per gli italiani: 56 miliardi di tasse entro giugno

Secondo la Cgia entro il 16 giugno, famiglie e imprese sono chiamate a versare all'erario 56 miliardi di euro per le imposte. A luglio altri 33,6 miliardi
commercialista scontrino tasse professionista

di Marina Crisafi - Imu, Tasi, Irpef, Irap, Ires, Iva, Tari e chi più ne ha più ne metta. Tante sigle che presentano tutte insieme un unico conto salato per gli italiani: 56 miliardi di euro da versare per le imposte all'erario e agli enti locali entro il 16 giugno. A fare i calcoli sul”mese nero” per gli italiani è la Cgia di Mestre, secondo la quale a pesare di più su famiglie e imprese saranno, rispettivamente, Tasi e Ires.

Per i nuclei familiari, infatti, c'è tempo fino alla metà di giugno per pagare la prima rata della Tasi (per un totale di 1,65 miliardi di euro) e del'Imu sugli immobili ad uso abitativo e strumentali.

Peraltro, pur essendo una delle principali scadenze fiscali dell'anno – sottolinea il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – il quadro in cui cittadini  imprenditori sono chiamati ad operare è estremamente incerto, in quanto i Comuni hanno tempo fino a fine luglio per deliberare le aliquote da applicare all'anno in corso e, dunque, la maggior parte dei contribuenti si ritroverà a versare le prime rate di Imu e Tasi sulla base delle disposizioni relative al 2014, sapendo realmente quanto versare per il 2015 soltanto con la scadenza di dicembre.

Quanto alle aziende, invece, l'imposta che graverà maggiormente nel mese di giugno sarà l'Ires (imposta sui redditi delle società di capitali) con il versamento del saldo 2014 e dell'acconto 2015 che, stando allo studio, porterà nelle casse dell'erario ben 10,5 miliardi di euro.

Ma se giugno è nero, luglio tenderà quanto meno al grigio.

Tra Irpef, addizionali, Ires, Irap e Iva, i contribuenti, secondo l'ufficio studi della Cgia, dovranno versare allo Stato ben 33,6 miliardi di euro.

In questi due mesi, inoltre, i datori di lavoro dovranno pagare le ritenute Irpef di dipendenti e collaboratori (circa 10,4 miliardi di euro), i committenti quelle dei professionisti (per le prestazioni ricevute), le imprese e gli autonomi l'Iva. A questi ultimi (così come ai contribuenti con redditi su cui non state trattenute interamente le imposte) tocca anche versare il saldo 2014 e l'acconto 2015 di Irpef, Ires e Irap. Senza dimenticare, infine, il pur ridotto (del 35%) tributo camerale. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF