Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: Cassazione, rumori molesti, quando si può chiedere il risarcimento del danno non patrimoniale?

condominio id12965

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 9283 del 24 Aprile 2014. 

Il risarcimento del danno non patrimoniale è contemplato all'art. 2059 cod. civ. e il giudice, nel verificare l'esistenza dei presupposti per la sua liquidazione, deve attenersi strettamente al principio della non duplicazione: l'esistenza di diverse voci tutte inerenti la categoria del danno non patrimoniale (ad esempio, danno alla vita di relazione, danno esistenziale, danno biologico) ha funzione meramente descrittiva, il risarcimento del danno è unico e come tale va gestito, ferma restando la personalizzazione della liquidazione (la valutazione, cioè, del caso concreto).

Lo ha ribadito la Cassazione con la sentenza in esame in cui la Corte Si è occupata del caso di una controversia relativa ad immissioni di rumore in ambito condominiale.

I giudici di merito avevano ordinato l'insonorizzazione di alcuni locali, facenti parte di un complesso condominiale. L'ordine era stato confermato anche in sede di appello ed il caso finiva in cassazione.

La controversia aveva ad oggetto anche una richiesta risarcitoria e, proprio con riferimento a tale richiesta, la Corte ha avuto modo di confermare che nel nostro ordinamento non è ravvisabile l'autonoma categoria del danno esistenziale: tutti i pregiudizi di tipo non economico patiti dal danneggiato rientrano nell'unica categoria sopra citata del danno non patrimoniale. L'interpretazione costituzionalmente orientata dell'art. 2059 cod. civ. impone di ricomprendere all'interno della categoria ogni pregiudizio non suscettibile di valutazione economica, purchè la lesione superi la “soglia minima di tollerabilità” e la stessa non sia futile (nel caso di specie non consista, cioè, in meri disagi o fastidi arrecati dal vicino). Il ricorso è rigettato.


L'autrice di questo articolo ha confezionato una raccolta di massime di maggior rilevanza, periodo compreso tra il 1 Gennaio e il 28 Febbraio 2014, in tema di comunione e condominio. Essa è acquistabile online al costo di 1 euro.Nello specifico, la presente raccolta è composta da 19 massime e si suddivide nelle seguenti sezioni:

1) Condominio in genere. Regolamento condominiale.


2) Danni riportati dalle cose comuni. Obbligo o esclusione del
risarcimento.

3) Assemblea dei condomini e rappresentanza in giudizio. Transazione.

4) Poteri dell'amministratore. Rappresentanza in giudizio.


5) Ripartizione delle spese condominiali. Tabelle millesimali.
Bilancio preventivo.

Clicca sul link qui sotto per procedere al download dei contenuti aggiuntivi a pagamento.

Vai al testo della sentenza 9283/2014
Vai al testo della sentenza 9283/2014
Raccolta di massime in tema di comunione e condominio
(27/04/2014 - Avv.Licia Albertazzi)
In evidenza oggi:
» Telemarketing: addio chiamate selvagge
» Biotestamento: è legge
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF