La sezione lavoro della Corte di Cassazione ha stabilito che rientra nella giusta causa di licenziamento il fatto di aver sorpreso il lavoratore ubriaco mentre sta svolgendo le proprie mansioni. Nel caso esaminato dalla Corte il licenziamento è stato considerato legittimo in considerazione dell'accertata gravità del fatto contestato anche perchè il lavoratore risultava recidivo. I giudici di Piazza Cavour fanno anche notare che l'apprezzamento della gravità del fatto in rapporto alle previsioni contrattuali e normative costituisce un apprezzamento incensurabile in cassazione, ove adeguatamente motivato.

Condividi
Feedback

(11/09/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: