La Cassazione (sentenza gennaio 2003) ha confermato la multa di 1500 euro nei confronti del titolare di un albergo che spiava le attivita' dei suoi impiegati attraverso un impianto audiovisivo a circuito chiuso dotato di telecamere nascoste
Roma (Adnkronos) - Multe salate per i datori di lavoro che non rispettano la privacy dei loro dipendenti. Parola di Cassazione che ha confermato la multa di 1500 euro nei confronti del titolare di un albergo che spiava le attivita' dei suoi impiegati attraverso un impianto audiovisivo a circuito chiuso dotato di telecamere nascoste.
A finire nei guai con la giustizia, il direttore di un Hotel di Pietrasanta che, attraverso le apparecchiature audiovisive sistemate nel suo studio, controllava ogni movimento dei dipendenti.
'Questo tipo di controllo viola la privacy dei dipendenti', aveva sentenziato il Tribunale di Lucca che lo scorso 8 febbraio aveva inflitto al titolare dell'albergo una multa di 1500 euro.

Foto: 123rf.com
Altri articoli che potrebbero interessarti:
In evidenza oggi: