Il decreto legge n. 73/2022 approvato definitivamente dal Senato nel testo definitivo di conversione all'articolo 39 bis estende all'esame di Stato per la professione forense 2022 le regole del Dl 31/2021 conv. nella L. 50/2021

Esame avvocato 2022: le novità

[Torna su]

Il decreto semplificazioni fiscali n. 73/2022, convertito dopo l'approvazione definitiva del testo da parte del Senato martedì 2 agosto 2022, dedica l'art. 39 bis allo svolgimento della sessione 2022 dell'esame di stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato.

La norma estende la disciplina speciale prevista per la sessione 2020 anche alla prossima sessione dell'esame per l'abilitazione forense.

La sessione d'esame da indire per l'anno 2022 sarà quindi disciplinata dalle disposizioni contenute nel decreto legge n.31 del 13 marzo 2021 convertito nella legge n. 50 del 2021, emanato in piena pandemia Covid.

Il decreto suddetto infatti è stato emanato perché era necessario adottare disposizioni che rendessero possibile lo svolgimento in sicurezza delle prove d'esame di abilitazione per la sessione 2020.

Da qui l'introduzione di una disciplina diversificata per lo svolgimento delle prove che verrà applicata anche alla sessione d'esame 2022 e che continuerà a derogare le disposizioni ordinarie che disciplinano questa prova d'esame.

Prova orale al posto delle prove scritte

[Torna su]

La disciplina emergenziale ha previsto la sostituzione delle prove scritte con una prova orale di natura preselettiva e propedeutica alla classica prova orale.

La prova orale preselettiva, lo ricordiamo, prevede la risoluzione di una questione di carattere pratico applicativo in una materia a scelta tra diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo.

Letto il quesito il candidato deve individuare i nodi problematici della questione, le disposizioni applicabili di natura sostanziale e processuale, i principi e gli eventuali orientamenti giurisprudenziali, potendo a tal fine consultare i codici annotati.

Lo svolgimento della prova ha la durata di un'ora a partire dalla dettatura del quesito (mezz'ora per analizzare preliminarmente la questione degli altri 30 minuti per la discussione).

La seconda prova orale, della durata variabile di 45-60 minuti verte invece su cinque materie oltre all'ordinamento e alla deontologia forense.

Leggi anche:

- Decreto semplificazioni fiscali: tutte le novità

- Esami avvocato 2021


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: