Per le ultime stime sarebbero 280 i grandi evasori, gli avvocati cioè che hanno debiti superiori ai 100.000 euro, per i quali è stata creata una task force speciale

Cassa forense, i grandi evasori

[Torna su]
Prosegue l'accertamento ed recupero crediti da parte di Cassa Forense nei confronti degli avvocati che non hanno versato, in tutto, o in parte, i contributi previdenziali relativi agli anni tra il 2015 e il 2018. In molti hanno regolarizzato la loro posizione definendo in un'unica soluzione la loro situazione debitoria per una media circa di 742 euro ciascuno - spiega l'avvocato Giancarlo Renzetti in una nota sul sito dell'ente previdenziale degli avvocati.
Alcuni avvocati hanno aderito alla richiesta di Cassa Forense facendo richiesta di rateizzazione del debito - solo per cifre superiori ai 1.000 euro. Sono 280 le posizioni dei cosiddetti "grandi evasori" cioè gli avvocati che hanno debiti contributivi superiori ai 100.000 euro, per i quali è stata dedicata una task force speciale e per i quali si procederà con i decreti ingiuntivi.

Cassa forense, regolarizzazione spontanea

[Torna su]
L'avvocato Renzetti ricorda il termine di 60 giorni per aderire agli accertamenti è ancora in corso e potrà essere sfruttato per chi, consapevole di irregolarità contributive negli anni successivi al 2018, vuol proporre la domanda di regolarizzazione spontanea, ex art. 76 del Regolamento Unico. In questo caso le sanzioni sono ridotte del 50%. Ed ancora chi è stato oggetto dell'attuale campagna di accertamenti potrà racchiudere in un'unica rateizzazione, prevista dagli artt. 75 e 76 del Regolamento Unico, sia gli inadempimenti già contestati che quelli segnalati spontaneamente.

Cassa forense, rateazione unica

[Torna su]
Questo tipo di soluzione consentirà a chi ne farà richiesta nei termini di evitare di non poter beneficiare negli anni successivi dell'agevolazione della riduzione delle sanzioni, preclusa a chi abbia già in corso una rateazione. La rateizzazione, a seconda dell'entità del debito, può essere estesa sino a 5 anni. In ogni caso l'obbligato potrà sempre richiedere una nuova rateazione. Il beneficio della riduzione delle sanzioni sarà subordinato all'estinzione di precedenti rateizzazioni.

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: