Quali sono i requisiti per ottenere il porto d'armi uso caccia, come fare per ottenerlo, qual è la sua validità e come fare per cacciare all'estero
cacciatori con cane al tramonto

di Valeria Zeppilli - Il porto d'armi uso caccia è una licenza che consente il trasporto delle armi per praticare l'attività venatoria.

Ecco tutto quello che c'è da sapere su questa particolare licenza:

Porto d'armi uso caccia: l'esame

[Torna su]

Chi intende ottenere il porto d'armi per la caccia deve preliminarmente superare un esame di abilitazione alla caccia, dal quale sono tuttavia esonerati coloro che hanno svolto il servizio militare.

Le materie oggetto della prova sono molteplici e comprendono la legislazione venatoria, le armi e le munizioni da caccia e la relativa legislazione, la zoologia applicata alla caccia (con prove pratiche), la tutela della natura e i principi di salvaguardia della produzione agricola e le norme di primo soccorso.

L'esame può essere sostenuto presso la provincia di appartenenza e, in caso di revoca della licenza, va ripetuto.

Porto d'armi uso caccia: l'idoneità psico-fisica

[Torna su]

Ulteriore prerequisito per ottenere il porto d'armi uso caccia è l'idoneità psico-fisica.

Questa va comprovata con un certificato che è rilasciato dall'azienda sanitaria di residenza dopo aver sottoposto l'interessato a un'apposita visita medica.

Porto d'armi uso caccia: la domanda

[Torna su]

Una volta che si è in possesso dell'abilitazione all'esercizio venatorio, corredata del certificato di idoneità psico-fisica, è possibile chiedere e ottenere il porto d'armi uso caccia.

La domanda va presentata alla questura, che è l'ufficio competente a rilasciare la licenza, è può essere inviata anche online. Il rilascio avviene entro i 90 giorni dalla data di presentazione dell'istanza.

Durata del porto d'armi uso caccia

[Torna su]

Il porto d'armi uso caccia ha oggi validità quinquennale. Scaduti i cinque anni, può comunque essere rinnovato.

Tuttavia, per il primo anno di porto d'armi uso caccia, l'attività venatoria può essere svolta solo con la presenza di un cacciatore in possesso di licenza da almeno tre anni.

Licenza extra per caccia all'estero

[Torna su]

Bisogna infine considerare che la validità del porto d'armi uso caccia è limitata ai confini italiani. Per poterne beneficiare anche all'estero è indispensabile richiedere una licenza extra, valida per un unico viaggio e per una durata massima di 90 giorni e limitata a tre armi e duecento cartucce.


Vai alla guida Il porto d'armi

Leggi anche:
- Licenza di porto d'armi: che cos'è e come si ottiene
- Articoli vari sulla licenza di porto d'armi
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(02/05/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto