Tutte le novità del processo di esecuzione: formula esecutiva, sospensione del precetto, vendita delegata, liberazione dell'immobile, vendita privata e altro
martello di battitore di asta giudiziaria

Riforma processo esecutivo, ecco cosa cambia

[Torna su]

La legge delega di riforma del processo civile ha interessato in maniera importante anche la disciplina del processo esecutivo.

Una delle novità più rilevanti riguarda l'abrogazione di ogni disposizione che si riferisca alla formula esecutiva e alla spedizione di un atto in tale forma.

Vai allo speciale sulla riforma del processo civile

Abolita la formula esecutiva

[Torna su]

Questa innovazione è stata adottata sulla scorta di un'evoluzione giurisprudenziale che aveva rilevato la sostanziale inutilità dell'apposizione della formula esecutiva, la cui mancanza comportava una semplice irregolarità formale, con conseguente necessità per il debitore di dimostrare anche il concreto pregiudizio subito a causa di tale omissione.

D'ora in poi, quindi, abolita la formula esecutiva e con essa gli inutili passaggi procedurali che ingolfavano anche il lavoro delle cancellerie, il difensore del creditore potrà limitarsi ad apporre una semplice attestazione di conformità della copia all'originale del titolo esecutivo.

Ricerca dei beni e sospensione del precetto

[Torna su]

Altra novità di rilievo introdotta dalla riforma del processo esecutivo è rappresentata dalla sospensione del termine di efficacia del precetto nel caso in cui il creditore proponga istanza per la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

Come noto il termine di efficacia del precetto è di novanta giorni (art. 481 c.p.c.) ed entro tale scadenza deve, pertanto, essere avviata l'esecuzione. Attualmente, la ricerca dei beni con le modalità sopra descritte è già prevista dall'art. 492-bis ed ora la relativa richiesta, avanzata dal creditore che sia munito di titolo esecutivo e precetto, avrà effetto sospensivo.

Termine per il deposito della documentazione ipotecaria e catastale

[Torna su]

In un'ottica di maggiore celerità del processo, sarà ridotto il termine per il deposito della documentazione ipotecaria e catastale, attualmente fissato in 60 giorni dal deposito del ricorso.

Il termine verrà con tutta probabilità ridotto a 45 giorni, per renderlo coerente con l'analogo termine previsto in relazione alla perdita di efficacia del pignoramento (art. 497).

Il termine sarà prorogabile di altri 45 giorni su richiesta dei creditori o dell'esecutato.

La riduzione è dettata anche dal fatto che il creditore ha oggi la possibilità di venire in possesso in tempi brevi della necessaria documentazione, in particolare grazie alla possibilità di presentare certificazione notarile sostitutiva ottenibile con la consultazione telematica dei pubblici registri.

Nomina custode e liberazione dell'immobile

[Torna su]

In relazione alla conservazione dei beni oggetto di esecuzione, è previsto che vengano ridotti i termini per la sostituzione nella custodia del bene del debitore con il custode, in 15 giorni dal deposito della documentazione ipotecaria e catastale.

Lo stesso giudice, inoltre, ordina più rapidamente la liberazione dell'immobile pignorato non abitato dall'esecutato e dal suo nucleo familiare ovvero occupato da soggetto privo di titolo opponibile alla procedura, e precisamente al più tardi nel momento in cui pronuncia l'ordinanza con cui è autorizzata la vendita o sono delegate le relative operazioni.

Se, invece, l'immobile è abitato dall'esecutato convivente col nucleo familiare, la liberazione è ordinata al momento in cui pronuncia il decreto di trasferimento.

Riforma del processo e delega della vendita

[Torna su]

Rilevanti modifiche si registrano anche in tema di delega delle operazioni di vendita al professionista.

In particolare, la delega delle operazioni di vendita nell'espropriazione immobiliare avrà durata annuale, con possibilità di rinnovo dell'incarico. In tale lasso di tempo, il professionista delegato dovrà svolgere almeno tre esperimenti di vendita, sotto la costante vigilanza del giudice dell'esecuzione, che potrà provvedere alla sua sostituzione in caso di inadempimento.

Inoltre, per proporre reclamo al giudice contro il decreto di trasferimento della proprietà si dovrà rispettare lo stringente termine di venti giorni.

Infine, anche la fase della predisposizione del progetto di distribuzione del ricavato si caratterizzerà per maggiori garanzie (in particolare per le preventive istruzioni del giudice dell'esecuzione) e per termini certi e rapidi.

Vendita privata nel processo esecutivo

[Torna su]

La riforma disciplina anche la vendita privata nel procedimento di espropriazione immobiliare.

Se autorizzato dal giudice, il debitore può vendere il bene pignorato per un prezzo non inferiore al suo valore di mercato.

L'offerta deve essere resa pubblica per consentire la presentazione, nel termine di 60 gg., di ulteriori offerte di acquisto.

Le altre novità della riforma del processo di esecuzione

[Torna su]

Ulteriori novità sono infine previste sui seguenti temi:

  • fissazione di criteri per la determinazione dell'ammontare e della durata delle misure di coercizione indiretta finalizzate all'adempimento di quanto disposto da una pronuncia di condanna (c.d. astreinte, vedi anche la nostra guida sul tema);
  • l'estensione degli obblighi antiriciclaggio anche agli aggiudicatari;
  • introduzione di una Banca Dati per le aste giudiziali presso il Ministero della Giustizia;
  • quando debitrice è una pubblica amministrazione è competente il giudice del luogo dove ha sede l'ufficio dell'Avvocatura dello Stato nel cui distretto il creditore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede;
  • nell'espropriazione presso terzi, il creditore, entro la data dell'udienza di comparizione indicata nell'atto di pignoramento, deve notificare al debitore e al terzo l'avviso di avvenuta iscrizione a ruolo, con indicazione del numero di ruolo della procedura e depositare l'avviso notificato nel fascicolo dell'esecuzione, a pena di inefficacia del pignoramento.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: