Non convivere nella stessa abitazione non fa venire meno i diritti e i doveri di natura patrimoniale che scaturiscono dal matrimonio
donna e uomo si contendono soldi per divorzio

Separazione e assegno di mantenimento alla moglie

[Torna su]

Il fatto che una coppia spostata, per scelte di vita, decide di non convivere in modo canonico, non fa venire meno i diritti e i doveri patrimoniali che scaturiscono dal matrimonio, per cui l'assenza di convivenza non fa venire meno il diritto della moglie all'assegno di mantenimento. Questo in sintesi il principio sancito dalla Cassazione nell'ordinanza n. 13450/2021 (sotto allegata).

Decisione che interviene dopo la conferma da parte della Corte d'Appello della sentenza di primo grado con cui, pronunciata la separazione, viene posto l'obbligo a carico del marito di corrispondere 200 euro mensili alla moglie.

In assenza di convivenza matrimoniale il mantenimento alla moglie non è dovuto

[Torna su]

Decisione contro la quale il marito ricorre in Cassazione sollevando due motivi di ricorso.

  • Con il primo contesta il riconoscimento dei presupposti necessari al riconoscimento dell'assegno di mantenimento in favore della moglie visto che ciascuno durante il matrimonio
    ha di fatto vissuto vite separate, senza un ménage familiare, per cui manca un riferimento in base al quale parametrare la misura.
  • Con il secondo invece contesta la comparazione compiuta dalla Corte d'Appello alla luce di una lettera di licenziamento che la moglie ha prodotto all'udienza di precisazione delle conclusioni, senza tenere conto delle preclusioni del rito ordinario. La lettera infatti avrebbe dovuto trovare ingresso nel giudizio di revisione delle statuizioni economiche della sentenza di separazione.

La mancata convivenza non fa venire meno i diritti e gli obblighi patrimoniali

[Torna su]

La Cassazione dichiara il ricorso presentato dal marito inammissibile.

In relazione al primo motivo gli Ermellini rilevano come la Corte di Appello sia giunta alla conclusione che, stante la residenza dei due coniugi in due abitazioni diverse, di fatto tra i coniugi si è costituito un vincolo matrimoniale con conseguente permanenza dell'obbligo di assistenza familiare. La mancata convivenza infatti può ben essere il frutto di una scelta della coppia, senza che venga meno la comunione spirituale e materiale, da cui non possono discendere effetti negativi per uno dei due coniugi. La mancata convivenza infatti non provoca l'estinzione dei diritti e dei doveri patrimoniali che scaturiscono dal matrimonio.

Inammissibile anche il secondo motivo di ricorso che fa riferimento alla lettera di licenziamento prodotta dalla donna, perché i procedimenti che riguardano gli assegni di mantenimento sono soggetti alla regola del rebus sic stantibus. Il giudice deve quindi verificare se dopo la formazione del titolo, ossia la sentenza di separazione nel caso specifico, sono intervenute nuove circostanze in grado di alterare l'assetto stabilito dalla sentenza, non potendo invece esaminare quelle verificatesi in precedenza rispetto al titolo definitivo.

Scarica pdf Cassazione n. 13450/2021
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: