L'Inps chiarisce gli adempimenti e requisiti che il datore di lavoro deve rispettare per ottenere l'esonero contributivo
assunzione lavorativa di un giovane

di Gabriella Lax - Per il bonus assunzioni under 35 le nuove istruzioni sono contenute nella circolare Inps n. 57 del 28 aprile 2020 (in allegato).

Istruzioni sull'esonero contributivo degli under 35

[Torna su]

In sostanza la circolare aggiorna le istruzioni sull'esonero contributivo per le assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, effettuate negli anni 2019 e 2020, degli under 35 in relazione alla legge di stabilità 2020 . Il comma 10 dell'articolo uno della legge stabilisce che per le assunzioni con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato effettuate nelle annualità 2019 e 2020, di lavoratori fino a trentacinque anni di età, si applica l'esonero dal 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un periodo massimo di 36 mesi e riguarderà: operai, impiegati e quadri. Non sono agevolabili assunzioni di dirigenti, lavoratori domestici, apprendisti e intermittenti.

Dal 2021 cambia l'età

[Torna su]

La circolare chiarisce inoltre che, dall'annualità 2021, il limite anagrafico per accedere tornerà a trenta anni di età, come previsto originariamente. In caso di interruzione del rapporto di lavoro, l'esonero potrà essere riconosciuto, per l'eventuale periodo residuo, ad altri datori di lavoro che assumano lo stesso soggetto. L'esonero sale al 100 % dei contributi per le assunzioni entro sei mesi dall'acquisizione del titolo di studio che riguardino giovani che abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato.

Adempimenti per il datore di lavoro

[Torna su]

Per ottenere il bonus non devono essere presenti le seguenti condizioni:

-l'assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine che abbia manifestato per iscritto, entro sei mesi dalla cessazione del rapporto (tre mesi per i rapporti stagionali), la propria volontà di essere riassunto;

- presso il datore di lavoro con contratto di somministrazione sono in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale.

Il datore di lavoro, inoltre, dovrà:

- essere in regola con obblighi di contribuzione previdenziale;

- non aver violato norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;

- aver rispettato gli accordi e i contratti collettivi nazionali nonché quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori più rappresentative sul piano nazionale.

Scarica pdf Circolare numero 57 del 28 04 2020
Condividi
Feedback

(29/04/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: