Per la Cassazione, una volta ammessi al gratuito patrocinio in qualità di persona offesa di certi reati, non c'è l'obbligo di comunicare eventuali variazioni reddituali
Concetto di aiuto legale

di Annamaria Villafrate - La Cassazione con la sentenza n. 12191/2020 (sotto allegata) accoglie il ricorso della ricorrente a cui la corte d'Appello, su istanza dell'ufficio competente, ha revocato all'ammissione al gratuito patrocinio. Nel caso di specie la ricorrente è stata ammessa al gratuito patrocinio perché persona offesa del reato di prostituzione minorile, per il quale l'art. 76, al comma 4 ter prevede l'ammissione al beneficio "anche in deroga ai limiti di reddito previsti dal presente decreto." Ne consegue che la parte, una volta ammessa al beneficio, non è tenuta a comunicare le variazioni reddituali una dichiarazione sostitutiva di certificazione richiesta dall'art. 79 del d.P.R n. 115/2002.

Revoca dell'ammissione al patrocinio gratuito

[Torna su]

La Corte di Appello revoca l'ammissione al beneficio del patrocinio a spese dello Stato su richiesta dell'ufficio finanziario competente.

Dal sistema informativo dell'Anagrafe Tributario è emerso che l'istante e i componenti del nucleo familiare dell'istante, hanno percepito nel 2018 un reddito pari a 17.118 euro, superiore al limite previsto dalla legge per l'ammissione al gratuito patrocinio.

Vittime di reati e gratuito patrocinio in deroga ai limiti di reddito

[Torna su]

La persona a cui è stato revocata la misura ricorre in sede di legittimità sollevando due motivi.

  • Con il primo lamenta la violazione degli articoli 76 e 112 del d.P.R n. 115/2002. La revoca non ha tenuto conto del fatto che la richiedente ha chiesto l'ammissione al patrocinio in un procedimento in cui la stessa si è costituita parte civile e che riguarda il reato di prostituzione minorile di cui all'art. 600 bis comma 2 c.p., aggravato ai sensi dell'art. 602 ter comma 5, commesso ai danni di un infra-sedicenne. Reato che, come previsto dal comma 4 ter dell'art. 76 del d.P.R n. 115/2002, consente l'ammissione al beneficio del gratuito patrocinio in deroga ai limiti di reddito.
  • Con il secondo invece la ricorrente fa presente che il superamento della soglia di reddito previsto dalla legge e accertato dall'Agenzia si è verificato nel 2018. All'udienza del 30 gennaio 2018 però, la stessa aveva revocato la propria costituzione di parte civile perchè l'imputato aveva provveduto all'integrale risarcimento del danno. Per cui, in base a quanto previsto dall'art. 79, comma 1 lettera b, non aveva l'obbligo di comunicare la variazione reddituale considerato che il procedimento era definito con sentenza irrevocabile e la stessa non era più parte del procedimento.

Prostituzione minorile e gratuito patrocinio: nessun obbligo di comunicare variazioni reddituali

[Torna su]

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 12191/2020 accoglie il ricorso per le seguenti motivazioni.

L'attuale formulazione dell'art. 76 del d.P.R n. 115/2002, che contiene il Testo Unico delle spese di giustizia contempla, tra i reati per i quali è possibili fare istanza di gratuito patrocinio, a prescindere dal reddito, anche il reato di prostituzione minorile di cui all'art. 600 bis c.p. La disposizione è stata introdotta in virtù della ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale.

La Corte precisa poi che, per accedere al gratuito patrocinio, l'istanza necessita che il processo sia pendente e che il richiedente e i componenti del suo nucleo familiare forniscano le rispettive generalità, i propri dati fiscali e una dichiarazione sostitutiva di certificazione che attesti i requisiti reddituali richiesti. Vero però che l'art. 76 comma 4 ter contiene una deroga rispetto ai casi in cui il legislatore pone dei limiti reddituali ai fini dell'ammissione. Ne consegue "l'inapplicabilità, al caso di specie, della causa di inammissibilità dell'istanza per mancanza della dichiarazione di cui alla lettera c) dell'art. 79 del decreto citato, contravvenendo detto obbligo alla previsione derogatoria e alle finalità della stessa, come sopra chiarite."

Deve quindi affermarsi il seguente principio:"una volta ammessi al beneficio del patrocinio allo Stato per i non abbienti, il soggetto rientrante in una delle categorie previste dall'art. 76 comma 4 ter d.P.R 30 maggio 2000, n. 115 non è tenuto ad adempiere l'obbligo di cui all'art. 79 comma 1, lett. d) stesso d.P.R 115 del 2002."

Leggi anche:

- Gratuito patrocinio: guida e modello

- Vittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratis

- Maltrattamenti donne: l'avvocato lo paga lo Stato

- Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito

Scarica pdf sentenza Cassazione n. 12191-2020
Condividi
Feedback

(21/04/2020 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf
In evidenza oggi: