Sei in: Home » Articoli

Assegni familiari: da ottobre nuovi metodi di denuncia

Condividi
Seguici

Con il messaggio n. 2815/2019 l'INPS annuncia nuove modalità di presentazione della domanda per gli assegni familiari, nuove implementazioni e procedure
Famiglia circondata da banconote

di Annamaria Villafrate - Con il messaggio n. 2815 del 24 luglio 2019 (sotto allegato) l'INPS si occupa di spiegare ai dipendenti e ai datori di lavoro del settore privato non agricolo, le nuove modalità per presentare la domanda di assegno familiare, i cambiamenti procedurali e le nuove implementazioni della utility "Consultazione importi ANF".

Anf: nuovi metodi di denuncia

Con il messaggio n. 2815 del 24 luglio 2019 l'INPS informa che sono stati messi a punto nuovi sistemi per gestire in modo più efficiente le domande di Assegno per il nucleo familiare in favore dei dipendenti di aziende private non agricole e per la compilazione dei flussi Uniemens, attraverso alcune importanti modifiche alla utility "Consultazione Importi ANF", disponibile nel cassetto previdenziale delle aziende datrici.

Il messaggio fa seguito alla circolare n. 45/2019, che fornisce ai dipendenti di aziende private non agricole le indicazioni per poter presentare la domanda di Assegno per il nucleo familiare e ai datori le istruzioni operative per la gestione. A questa hanno fatto seguito due messaggi, il n. 1430/2019 e il 1777/2019, l'ultimo dei quali ha fornito le istruzioni per la compilazione dei flussi Uniemens, nel quale, a partire dal 30 giugno del 2009, sono stati unificati i flussi EMENS e DM10.

Con il modello DM10 il datore denunciava all'INPS le retribuzioni mensili, i contributi dovuti e l'eventuale conguaglio delle prestazioni, delle agevolazioni e degli sgravi anticipati per conto dell'Inps, mentre con il flusso EMENS, come recita il sito dell'Inps: "i sostituti d'imposta tenuti al rilascio della Certificazione Unica (CUD) trasmettevano mensilmente agli enti previdenziali, direttamente o tramite gli incaricati, entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento, i dati retributivi e le informazioni utili al calcolo dei contributi; all'implementazione delle posizioni assicurative individuali e all'erogazione delle prestazioni."

Le nuove istruzioni per i datori di lavoro

Come precisato nel messaggio n. 2815/2019 "le modalità di esposizione nei flussi Uniemens rimangono immutate sino alla denuncia contributiva di competenza del mese 09/2019."

I cambiamenti descritti nel provvedimento quindi saranno operativi dal mese di ottobre.

Per rendere più efficiente la presentazione e la gestione delle domande e la compilazione dei flussi Uniemens, la Utility "Consultazione Importi ANF", a disposizione delle aziende, degli intermediari e dei rappresentanti legali, nella sua nuova versione, prevede nuove implementazioni:

  • estensione della ricerca puntuale fino a 12 mesi;
  • selezione multipla delle matricole aziendali per la ricerca massiva;
  • indicazione della data di inizio e di fine nei file xml per la ricerca massiva;
  • impossibilità di effettuare entro 5 giorni dalla precedente, una ricerca massiva per la stessa matricola;
  • possibilità di chiedere, sempre in riferimento alla ricerca massiva, un periodo determinato dal … al … di presentazione delle domande da parte dei lavoratori;
  • possibilità di salvare in formato CVS l'elenco dei dipendenti, degli importi e dei periodi di validità dell'assegno familiare;
  • notifiche e-mail dei risultati di elaborazioni massive;
  • notifiche push relative a modifiche di file xml.

Questa Utility, come chiarito nel messaggio n. 2818, "preleva gli esiti delle domande dei lavoratori che risultano dipendenti della matricola aziendale, in base all'ultimo Uniemens a disposizione dell'INPS". Pertanto, se un lavoratore è stato assunto tra un flusso Uniemens e l'altro e non è ancora associato ad un numero di matricola, per vedere gli importi dell'assegno familiare da pagare e conguagliare si può procedere cercando il numero di protocollo della domanda presentata all'INPS dal lavoratore tramite una Ricerca Puntuale.

Leggi anche Gli assegni familiari

Scarica pdf Messaggio numero 2815 del 24-07-2019
(20/08/2019 - Annamaria Villafrate)
In evidenza oggi:
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro
» Allarme phishing, Agenzia delle Entrate: "non aprite le pec"

Newsletter f t in Rss