Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Assegni familiari: nuove istruzioni Inps

Condividi
Seguici

L'Inps fornisce importanti indicazioni ai datori di lavoro per la presentazione telematica delle domande degli assegni familiari per i lavoratori privati non agricoli
famiglia sotto ombrello concetto assicurazione

di Annamaria Villafrate - Con il messaggio Inps n. 4583/2019 (sotto allegato) vengono fornite importanti istruzioni ai datori di lavoro che vogliano presentare domanda per gli assegni familiari per conto dei lavoratori dipendenti del settore non agricolo.

Il messaggio spiega in che modo presentare la domanda, quale funzionalità sono disponibili, le utility a disposizione dei datori e le regole a cui questi ultimi di devono attenere per rispettare la privacy dei dipendenti.

  • 1. Domanda assegni familiari solo in modalità telematica
  • 2. Cosa deve fare il datore per presentare domanda
  • 3. Utility più ricca per il datore e gli intermediari
  • Domanda assegni familiari solo in modalità telematica

    Il messaggio INPS n. 4583/2019 fornisce importanti indicazioni per datori di lavoro e i soggetti da loro delegati sulle modalità di presentazione delle domande di assegno familiare per i lavoratori impiegati nel privato non agricolo.

    Il messaggio ricorda che la circolare n. 45/2019 ha disciplinato nuove modalità di presentazione della domanda di Assegno per il Nucleo familiare. Per questo partire dal primo aprile 2019 le domande per assegno familiare devono essere presentate all'Inps solo in modalità telematica tramite il modello ANF/DIP al fine di calcolare correttamente l'importo spettante, nel rispetto della normativa posta a protezione dei dati personali.

    Dal 3 novembre la procedura è stata implementata anche per i datori, su delega del lavoratore e dei familiari, che così possono presentarla tramite sportello telematico, direttamente o tramite soggetti delegati.

    I canali telematici per la presentazione della domanda sono i seguenti:

    • servizio online dedicato, disponibile dal 1 aprile 2029 a cui si accede dal sito dell'Inps, per chi è munito di Spid o di Pin dispositivo;
    • servizi telematici offerti dai Patronati;
    • datore di lavoro previa delega del lavoratore o dei suoi familiari.

    Cosa deve fare il datore per presentare domanda

    Il datore che deve presentare domanda ANF/DIP per via telematica deve accedere al cassetto previdenziale e cliccare sul link "Richieste ANF Dip. Az. Att"

    Dopo l'accesso appare una lista in cui il richiedente può selezionare il codice fiscale dell'azienda per la quale deve inserire la domanda ANF/DIP.

    Premendo il tasto "Aggiorna" l'utente viene identificato e a questo punto, avendo cura di inserire il codice fiscale del lavoratore per il quale si presenta domanda, può scegliere tra queste opzioni:

    Domanda nuova

    E' necessario indicare il periodo di interesse, i dati del dipendente, il codice fiscale dell'azienda. In seguito occorre compilare il pannello dedicato alla famiglia del lavoratore e in seguito all'acquisizione della richiesta ANF/DIP inserire i dati reddituali del richiedente e del nucleo familiare. Concluse queste operazioni viene fornito il riepilogo della domanda, si procede quindi alla conferma e alla stampa per ricevuta del modello.

    Variazione

    L'opzione variazione deve essere selezionata quando è intervenuta una modifica del nucleo familiare, come una nascita o una separazione coniugale. In questo caso la variazione deve essere inserita nel periodi di interesse.

    Consultazione

    Questa opzione serve a verificare lo stato della domanda, per verificare ad esempio che non ci siano stati errori nella compilazione o per controllare l'importo mensile e giornaliero spettante in base alla tabella ANF di appartenenza.

    Tutela della privacy

    Il messaggio INPS informa che, quando la domanda per assegno viene presentata dal datore, il trattamento dei dati del dipendente e della famiglia deve avvenire nel rispetto delle norme contenute nel Codice in materia di protezione dei dati personali, adottando garanzie sufficienti a soddisfare quanto sancito dal Gdpr Regolamento UE n. 2016/679 e a garantire i diritti dell'interessato.

    Utility più ricca per il datore e gli intermediari

    L'Utility messa a disposizione del datore e degli intermediari, rispetto al messaggio di fine luglio 2019 è ancora più ricca di funzioni:

    • è sufficiente indicare il singolo mese e la ricerca restituisce l'intero periodo in cui è compreso;
    • i risultati delle elaborazioni massive vengono notificate via email/PEC;
    • la home page ospita la sezione news per aggiornare gli utenti sulle novità;
    • alla voce importo massimo mensile una nota chiarisce che si tratta del valore al netto di trattamenti di famiglia dichiarati nella domanda ANF/DIP;
    • nella ricerca massiva, dalla sezione "utilità" si possono scaricare file zip dei formati xml;
    • data minima selezionabile: giugno 2014;
    • il sistema restituisce i messaggi "in istruttoria" o "respinta" se la domanda ANF non è presente;
    • in fase di test altre funzioni di cui gli utenti verranno messi al corrente tramite le News della Homepage.
    Leggi anche:

    - Assegni familiari: dal 1° aprile domande solo online

Scarica pdf messaggio Inps n. 4583/2019
(13/12/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss