Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensionati all'estero: flat tax al 7% come funziona

Vediamo se e a che condizioni i pensionati italiani residenti all'estero possono beneficiare della flat tax al 7% se si trasferiscono nel Mezzogiorno
due pensionati felici con salvadanaio

Domanda: La flat tax al 7% vale anche per i pensionati italiani residenti all'estero?

Risposta: La legge di bilancio 2019 ha introdotto una disposizione che prevede un taglio delle tasse per i pensionati residenti all'estero che trasferiscano la propria residenza fiscale in una regione del Mezzogiorno.

Si tratta della flat tax al 7%, pensata innanzitutto per gli stranieri che decidano di stabilirsi nelle regioni del Sud Italia.

  1. Flat tax anche per i pensionati italiani
  2. Le condizioni
  3. I Comuni del Mezzogiorno nei quali trasferirsi
  4. Validità della flat tax pensioni
  5. Revoca e decadenza

Flat tax anche per i pensionati italiani

Ma gli stranieri non sono gli unici beneficiari dell'aliquota ridotta.

Anche gli italiani infatti ne possono usufruire, ma solo a specifiche condizioni.

Le condizioni

In particolare, il trasferimento nel Mezzogiorno da parte di pensionati italiani determina l'applicazione della flat tax solo se ricorrono due condizioni:

  • il pensionato che intende trasferirsi deve risiedere all'estero da almeno cinque anni,
  • la pensione deve essere erogata da un soggetto estero.

I Comuni del Mezzogiorno nei quali trasferirsi

Per quanto riguarda la destinazione, l'aliquota del 7% si applica più precisamente a coloro che trasferiscono la propria residenza in uno dei Comuni che appartengono alle regioni:

  • Sicilia,
  • Calabria,
  • Sardegna,
  • Campania,
  • Basilicata,
  • Abruzzo,
  • Molise,
  • Puglia

con popolazione non superiore a 20mila abitanti.

Validità della flat tax pensioni

La flat tax resta valida per i primi cinque periodi di imposta successivi a quelli in cui diviene efficace. L'efficacia si determina a partire dal periodo d'imposta in cui il pensionato trasferisce la propria residenza in Italia.

Per poterne usufruire è indispensabile che il paese di provenienza sia legato all'Italia da accordi di cooperazione amministrativa.

Revoca e decadenza

Per completezza, precisiamo infine che l'opzione può essere revocata dal contribuente, il quale può anche decidere sin da subito di non avvalersene, e che da essa si decade per l'insussistenza dei requisiti o il venir meno degli stessi.

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(18/03/2019 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Cefalea malattia sociale: arriva l'assegno d'invalidità
» Cassazione: colpo di frusta senza radiografia
» Anac cerca avvocati
» Navigator: ecco il bando. Domande fino all'8 maggio
» La compensazione delle spese offende la professione forense
Newsletter f t in Rss