Sei in: Home » Articoli

Risarcimento danni da riduzione della capacità di lavoro

Il risarcimento del danno da lucro cessante non scatta automaticamente al generarsi di un'invalidità permanente
una biglia chiara su sfondo scuro
Avv. Francesco Pandolfi - In una situazione relativa ad un incidente (poniamo un incidente stradale) in occasione del quale uno dei protagonisti riporti un danno alla persona, il diritto al risarcimento dell'eventuale danno patrimoniale da lucro cessante (cioè il mancato guadagno patrimoniale provocato dall'illecito, o da un inadempimento in genere) non scatta in automatico per il solo fatto che il danno ha generato un'invalidità permanente quantificabile. E' quanto affermato dalla Cassazione con ordinanza n. 8838/2018.

Come dimostrare il lucro cessante

Posto che la situazione lesiva è quella sopra ipotizzata, il danneggiato ha l'onere di dimostrare, anche tramite presunzioni, che l'invalidità ha prodotto una reale riduzione della capacità di lavoro specifica e, quindi, una conseguente riduzione della capacità di guadagno.
E' pur vero che il giudice, nel caso in cui ritenga altamente probabile una menomazione della capacità di lavoro specifica con correlato danno patrimoniale, può sempre procedere ad una liquidazione equitativa dello stesso.
Tanto potrà farlo con un ragionevole apprezzamento di tutte le circostanze del caso concreto e in linea con i principi dettati dalla Cassazione (sent. 14645/2015).

Il caso dell'elevata invalidità permanente

Quelli sopra indicati sono criteri di massima che presiedono all'identificazione e liquidazione in causa di questa specifica voce di danno.
Quando pensiamo alla "valutazione equitativa" evidentemente dobbiamo ricollegarci ad una situazione nella quale l'infortunato ha subito un'invalidità rilevante.
In buona sostanza: in tutti quei casi nei quali al sinistro consegue a carico del danneggiato un'elevata invalidità permanente (I.P.), questo solo fatto da una parte rende altamente probabile che si sia verificata una menomazione della capacità di lavoro specifica e, dall'altra, che si sia verificata una perdita patrimoniale, pagabile a seguito di una stima equitativa.

Nella pratica

Le cause in materia di risarcimento del danno da fatto illecito ruotano di fondo sull'accertamento peritale delle lesioni svolto da un medico legale esperto.
In occasione di tale accertamento specialistico, viene stabilito se il danno ha inciso sulla salute della persona e sulla sua capacità specifica di lavoro.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(18/07/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Milleproroghe: ok Senato, è legge
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss