Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Condominio: le spese dell'amministratore che non necessitano di autorizzazione

I doveri previsti dalla legge in capo all'amministratore comportano la possibilità di impegnare il condominio senza una preventiva delibera assembleare. Il particolare caso degli atti urgenti
uomo con ombrello si protegge da pioggia di documenti

Avv. Marco Sicolo - La regolare gestione del condominio comporta la sussistenza di ampi poteri in capo all'amministratore, per la conclusione di contratti inerenti all'ordinaria manutenzione delle parti comuni. In tali casi, e non solo, non è necessario ottenere la preventiva autorizzazione dell'assemblea per concludere validamente un contratto in nome e per conto del condominio.


  1. Manutenzione ordinaria e atti conservativi
  2. Le azioni esperibili senza preventiva autorizzazione
  3. L'urgenza negli atti di manutenzione straordinaria

Manutenzione ordinaria e atti conservativi

In base all'art. 1130 c.c., 1┬░ comma, n. 3, rientra tra i doveri dell'amministratore di condominio quello di erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni.

Questo significa, in altre parole, che tra i poteri di gestione propri dell'amministratore rientra anche quello di impegnare il condominio attraverso la conclusione di contratti non preventivamente autorizzati in sede di assemblea, relativi alla manutenzione ordinaria delle parti comuni.

All'amministratore sarà sufficiente rappresentare tali spese in sede di bilancio consuntivo, per ripartirne i costi tra i vari condomini e ottenerne il rimborso.

A titolo di esempio, rientrano tra queste spese quelle relative alla pulizia delle parti comuni dell'edificio, alla loro manutenzione periodica, agli interventi di riparazione degli impianti e al pagamento delle bollette relative alla fornitura di luce e acqua.

Le azioni esperibili senza preventiva autorizzazione

L'amministratore, inoltre, è tenuto a compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio. Di conseguenza, egli ha il dovere di esperire, ove necessario, le c.d. azioni possessorie e le azioni di nunciazione, senza necessità di ottenere la preventiva autorizzazione dell'assemblea.

Le azioni possessorie sono l'azione di reintegrazione, prevista dall'art. 1668 c.c., e l'azione di manutenzione, di cui al successivo art. 1670 c.c. L'amministratore, pertanto, può agire in giudizio per reagire all'occupazione abusiva dell'immobile da parte di terzi, oppure per inibire atti che alterino il decoro architettonico dell'edificio.

Con le azioni di nunciazione (denunce di nuova opera e di danno temuto, ex artt. 1171 e 1172 c.c.), di natura cautelare, l'amministratore può in piena autonomia agire in giudizio qualora ritenga che da una nuova costruzione o da una cosa altrui possa derivare un danno al condominio. Egli può, inoltre, agire in caso di immissioni, esalazioni e rumori oltre la normale tollerabilità (v. art. 844 c.c.).

Rientrano nel potere d'azione dell'amministratore anche le azioni di responsabilità contro il costruttore per gravi difetti che mettano in pericolo la stabilità dell'edificio (v. art. 1669 c.c.).

Si ritiene che nelle suddette ipotesi l'amministratore possa agire contestualmente anche per il risarcimento dei danni che riguardino le parti comuni dell'edificio, non invece per i danni occorsi alle singole proprietà esclusive.

Va sottolineato che, in base al dettato dell'art. 1130 c.c., compiere atti conservativi nell'interesse del condominio non è solo un potere, ma un vero e proprio dovere dell'amministratore. Ne deriva che, in caso di inerzia, i condomini sono legittimati a chiedergli il risarcimento degli eventuali danni che ne siano derivati.

L'urgenza negli atti di manutenzione straordinaria

Anche nei casi in cui è obbligatorio chiedere la preventiva autorizzazione di spesa all'assemblea, può configurarsi un margine di autonomia in capo all'amministratore.

In particolare, quando vi sia urgenza di provvedere, quest'ultimo è legittimato a disporre pagamenti autonomamente, salvo poi riferire e chiedere la ratifica nella prima assemblea successiva (art. 1135, comma 2 c.c.), con una delibera adottata dalla maggioranza qualificata prevista dal codice.

Sono straordinarie, ad esempio, le spese relative ad interventi di rilievo sui muri portanti o sul solaio dell'edificio, la sostituzione dell'autoclave o degli ascensori, al rifacimento integrale degli impianti.

Se l'assemblea non dovesse ratificare la spesa, l'amministratore ha facoltà di ricorrere in giudizio per fare accertare il carattere di urgenza della spesa sostenuta. In caso di soccombenza, egli rimarrà personalmente obbligato con l'impresa e non potrà ottenere il rimborso dai condomini.

(28/05/2018 - Marco Sicolo) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: addio alle udienze inutili
» Le sentenze diventano tascabili
» Autovelox: multe tutte nulle
» L'infortunio in itinere
» Fatturazione elettronica: alcuni punti critici
Newsletter f g+ t in Rss