Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

L'avvocato europeo paga la Cassa in Italia

Se il legale risiede ed esercita la professione in Italia, non può pretendere l'esonero solo perché iscritto all'ente previdenziale del suo paese di origine
ombra soldi che si trasforma in razzo

di Valeria Zeppilli - Anche l'avvocato straniero che è iscritto all'ente di previdenza del suo paese è tenuto a pagare i contributi a Cassa Forense se risiede ed esercita la professione in Italia.

Per la Corte di cassazione, come affermato nella sentenza numero 6776/2018 (qui sotto allegata), occorre infatti dare rilevanza non alla circostanza che il legale sia straniero e sia iscritto a una Cassa previdenziale straniera, ma alla circostanza che lo stesso sia un "professionista iscritto all'Albo professionale in Italia, dove, con continuità, esercita la professione, produce redditi, assolve l'obbligazione tributaria ..., ha la residenza ... e il centro di interessi".

Nessuna scelta

I giudici hanno pure sottolineato che la materia previdenziale è caratterizzata dai principi di indisponibilità e inderogabilità e che, pertanto, il soggetto interessato alla tutela previdenziale non può decidere in quale legislazione di sicurezza sociale nazionale desidera che sia attuata la sua protezione sociale né può scegliere se conformarsi o meno alle prescrizioni dell'ente di previdenza che è deputato a presidiare le regole di sicurezza sociale o più in generale delle istituzioni di sicurezza sociale dei singoli Stati membri dell'Unione Europea.

La vicenda

Nel caso di specie, la questione riguardava un legale iscritto in Germania all'Albo degli avvocati di Stoccarda e alla Cassa tedesca di previdenza avvocati e iscritto in Italia all'Albo degli avvocati di Milano e dal 2005, d'ufficio, a Cassa Forense.

La Cassazione, di fronte alle richieste dell'avvocato di annullamento dell'iscrizione all'ente di previdenza italiano, con una lunga e articolata motivazione ha pertanto ritenuto infondate le sue pretese, accogliendo invece le ragioni di Cassa Forense, alla quale il legale resta quindi iscritto.

Corte di cassazione testo sentenza numero 6776/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(20/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss