Sei in: Home » Articoli

Niente informativa interdittiva antimafia per lavoratori con precedenti penali

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la regione Sicilia si esprime in merito agli effetti determinati dalla presenza di lavoratori con gravi pregiudizi penali, il cui rapporto con la ditta destinataria di interdittiva si sia interrotto
uomo che tiene cartello stradale di stop
Avv. Giovanni Francesco Fidone - Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, in sede giurisdizionale, si è espresso in via cautelare sulla informazione antimafia interdittiva comminata ad una ditta in ragione della presenza tra i propri dipendenti di un soggetto con svariati e gravi precedenti penali.

La vicenda

Sia in prime cure dinanzi al TAR Catania, ove era rimasta soccombente, che in sede di appello cautelare, la ditta aveva dimostrato due circostanze fondamentali: da una parte l'interruzione del rapporto lavorativo con il soggetto in questione, risalente a due mesi prima dell'emissione dell'interdittiva; dall'altra parte l'esistenza, anche in passato, di rapporti lavorativi stagionali, legati alla particolare attività svolta dall'azienda.
Ebbene, con ordinanza n. 88 del 23/02/2018, il C.G.A. (sotto allegata) ha accolto l'appello cautelare, seppure ad un sommario esame che è tipico di questa fase, proprio sulla scorta di tali circostanze.

Lavoratori con precedenti: niente interdittiva antimafia

In sostanza, verificato che alla data di adozione dell'interdittiva non era più attivo il rapporto di lavoro tra la ditta ed il soggetto ritenuto vicino alla criminalità organizzata, e verificato altresì che, nel corso degli anni precedenti, tale rapporto si era limitato a determinati periodi dell'anno, coincidenti con il carattere stagionale dell'attività aziendale, il Giudice Amministrativo di seconde cure ha ribaltato l'ordinanza n. 870/2017 del TAR Catania.
Inoltre il C.G.A., sul piano del periculum, ha sottolineato gli effetti preclusivi e fortemente limitativi sull'esercizio dell'attività economica, che è destinato a produrre un simile provvedimento.

CGA, ordinanza 23.2.2018
(24/02/2018 - Avv.Giovanni Fidone) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss